Fertilità maschile: messo a punto uno strumento per valutarla

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 20/05/2014 Aggiornato il 20/05/2014

Fecondazione assistita: un recente studio dimostra l’utilità di un nuovo strumento in grado di valutare la fertilità maschile

Fertilità maschile: messo a punto uno strumento per valutarla

La vitalità, motilità e struttura degli spermatozoi sono tre parametri indicativi del profilo di fertilità maschile. Per questo, vengono sempre esaminati prima del ricorso alle tecniche di fecondazione assistita. In futuro, questa analisi potrebbe essere ancora più semplice e dettagliata. Merito di un nuovo strumento, la cui efficacia e validità sono state testate in un recente studio condotto da un team di ricercatori britannici e italiani, rispettivamente del Rowland Institute di Harvard di Cambridge (Massachusetts) e del Centro di fecondazione assistita di Napoli, pubblicato sulla rivista Biomedical Optics Express.

Un nuovo strumento

Il nuovo strumento è un sistema di tracciamento che promette di analizzare la motilità e la morfologia 3-D degli spermatozoi e, quindi, di raccogliere informazioni sulla fertilità maschile. È il risultato di una ricerca svolta dagli Istituti nazionale di ottica e per la microelettronica e microsistemi dell’Istituto nazionale di ottica (Ino-Cnr) e Istituto per la microelettronica e microsistemi (Imm-Cnr).

Quali vantaggi

I sistemi di analisi di motilità degli spermatozoi disponibili al momento esaminano immagini bidimensionali delle cellule maschili. Di conseguenza “non forniscono una informazione completa sul reale e naturale ambiente nel quale si muovono le cellule. La concentrazione e la mobilità degli spermatozoi sono lasciate a valutazioni visuali soggettive o a processi di analisi al computer sempre bidimensionali” ha spiegato Giuseppe Di Caprio, ricercatore Imm-Cnr, attualmente presso il Rowland Institute. La nuova tecnologia, invece, consente di osservare come gli spermatozoi si muovono nello spazio tridimensionale e, contemporaneamente, di valutarne la forma o la struttura. Ecco perché risulta più efficace nello studio della fertilità maschile. “Gli ologrammi sono registrati con luce laser a potenze tali da evitare danni alle cellule e senza la necessità di marcarli con composti fluorescenti” ha aggiunto l’esperto. 

In breve

LE PROSPETTIVE PER IL FUTURO

Secondo i ricercatori il nuovo esame, nel prossimo futuro, diventerà preziosissimo per l’analisi della fertilità maschile e la diagnosi di eventuali problematiche di concepimento

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola il tuo ciclo mestruale

Calcola il periodo di ovulazione

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Placenta bassa in 16^ settimana: si può prendere l’aereo?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una sospetta inserzione bassa della placenta va confermata con l’ecografia transvaginale a partire dalla 20^ settimana, quindi circa un mese prima di questa data è prematuro diagnosticarla: proprio per questo un viaggio in aereo si può affrontare senza rischi.   »

Dopo tre cesarei si può partorire naturalmente?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Al travaglio di prova dopo un parto cesareo, noto con l'acronimo TOLAC dall'inglese trial of labour after cesarean, possono essere ammesse solo le mamme che abbiano già affrontato l'intervento solo una, massimo due volte.   »

Manovre effettuate durante l’ecografia: possono causare danno al feto?

04/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giovanni Battista Nardelli

Nessuna delle manovre manuali esterne effettuate dal medico per poter svolgere l'ecografia nel migliore dei modi può esporre il feto a rischi.   »

Bimbo di 4 anni con una tosse che non passa nonostante l’antibiotico

02/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

È un'eventualità frequente che i bambini della scuola materna passino più tempo a tossire che il contrario. Posto questo, l’antibiotico andrebbe usato quanto la tosse con catarro persiste per più di un mese senza tendenza alla remissione.  »

Fai la tua domanda agli specialisti