Fertilità maschile: sì a noci e frutta secca

Roberta Camisasca A cura di Roberta Camisasca Pubblicato il 13/09/2018 Aggiornato il 13/09/2018

Le noci e gli altri frutti oleosi possono favorire la fertilità maschile. Ma occhio alle quantità

Fertilità maschile: sì a noci e frutta secca

Consumare ogni giorno 60 grammi di frutta a guscio potrebbe migliorare la quantità, la vitalità, la motilità e la morfologia degli spermatozoi, incrementando le probabilità di concepimento. Lo evidenzia uno studio dell’Universitat Rovira i Virgil di Reus e dell’Universitat Autònoma de Barcelona (Spagna). Secondo gli esperti, l’assunzione regolare di noci, mandorle e nocciole potrebbe favorire la fertilità maschile.

Lo studio spagnolo

Gli scienziati spagnoli hanno coinvolto 119 uomini fra 18 e 35 anni, ad alcuni dei quali è stato chiesto di consumare quotidianamente frutta secca. Dai risultati è emerso che il consumo della frutta a guscio mista (60 grammi al giorno) ha migliorato il liquido seminale dei partecipanti. I soggetti che hanno consumato quotidianamente noci, mandorle e nocciole mostravano un miglioramento del 16% della conta spermatica, del 4% della vitalità, del 6% della motilità e dell’1% della morfologia degli spermatozoi. Inoltre, presentavano una significativa riduzione del livello di frammentazione del Dna spermatico: in sostanza un miglioramento della fertilità maschile.

Tante sostanze preziose

Le Linee guida nazionali e internazionali raccomandano di consumare ogni giorno 5 porzioni di frutta e verdura fresca, pari a 800 grammi, a cui vanno aggiunti 30 grammi di frutta secca, che corrispondono a circa 5 noci, 25 mandorle o nocciole, 50 pistacchi. La frutta oleosa ha un ottimo profilo nutrizionale: non contiene colesterolo, ma una minima quota di grassi saturi e una prevalente percentuale di grassi mono e polinsaturi, componenti delle membrane cellulari e di alcuni ormoni.

Anche omega 3 e antiossidanti

Gli esiti di questa ricerca sono in linea con quelli ottenuti da altre recenti indagini che hanno rilevato l’effetto positivo sulla fertilità maschile delle diete ricche di Omega-3, folati e antiossidanti (vitamina C, vitamina E, selenio e zinco), tutti nutrienti presenti nelle noci, sottolineano gli esperti, che contengono anche altre sostanze fitochimiche benefiche.

 

Da sapere!

Una dieta corretta è utile a contrastare il declino della qualità del liquido seminale nei Paesi industrializzati a causa dell’inquinamento, del fumo e dello stile di vita.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola il tuo ciclo mestruale

Calcola il periodo di ovulazione

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimbo di sette mesi che fa … jumping

03/06/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Non è una buona idea far saltare il bambino tenendolo sotto le ascelle: molto meglio lasciarlo libero a terra, in attesa che impari a gattonare.  »

Educazione di una piccina: quali istruzioni vanno seguite?

27/05/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

I bambini non sono robot: non ci si può aspettare che basti impartire una semplice dritta per ottenere i comportamenti desiderati.   »

Fertilità della donna dopo i 40 anni: cosa la influenza?

19/05/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Francesco Maria Fusi

L'età anagrafica condiziona fortemente la possibilità di concepire. Ma non solo: altri fattori entrano in gioco e tra questi c'è il peso corporeo.  »

Fai la tua domanda agli specialisti