Mangia sano: così aiuti la tua fertilità

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 24/09/2013 Aggiornato il 24/09/2013

Un’alimentazione sana aiuta a mantenere in buono stato la propria fertilità

Mangia sano: così aiuti la tua fertilità

Un’alimentazione sana aiuta a mantenere in buono stato la propria salute riproduttiva. Già, è proprio così: la fertilità si preserva anche a tavola. La raccomandazione a una sana alimentazione arriva dal centro di Lugano ProCrea, specializzato nelle cure per la fertilità.

L’infertilità colpisce una coppia su cinque

In una società dove una coppia su cinque soffre di problemi di infertilità, una buona alimentazione è il primo passo per mantenere in buono stato la fertilità. “Attenzione anche alle intolleranze alimentari che possono essere di ostacolo alla gravidanza” raccomanda Marina Bellavia, ginecologa e specialista in medicina della riproduzione del centro di ProCrea.  “Si tratta, infatti, di stati infiammatori e, come tali, si riflettono sul sistema immunitario influenzando la creazione di un corretto ambiente per lo sviluppo dell’ovulo”.

I risultati della ricerca

La notizia trova fondamento scientifico in una ricerca della Harvard School of Public Health che ha riscontrato un calo dei problemi di infertilità nelle donne che seguivano una dieta sana: più precisamente, una riduzione del 66% del rischio di infertilità per problemi di ovulazione rispetto a donne che non si attenevano a regimi alimentari corretti. In una sana ed equilibrata alimentazione rientra anche l’assunzione di caffè: sono consentite un paio di tazzine, ma non di più.

Attenzioni anche per lui

Conferma uno studio danese della Fertility Clinic di Aarhus: le donne che consumano più di cinque caffè al giorno avrebbero il 50% di probabilità in meno di ottenere una gravidanza anche con la fecondazione in vitro. Anche per gli uomini servono accortezze. “Assumere alimenti ricchi di sostanze antiossidanti, come per esempio la vitamina E, aiuta a combattere lo stress ossidativo, determinato da colesterolo alto, diabete, fumo, e quindi a preservare  la produzione di spermatozoi”, spiega la dottoressa Bellavia.

No ai grassi

In conclusione, per preservare la propria fertilità occorre evitare i grassi saturi e preferire pane, pasta e riso integrali, assumere proteine vegetali e latte. Va poi contrastata l’obesità che è spesso correlata a problemi di infertilità. 

In breve

NO ANCHE A FUMO E ALCOL

Evitare il fumo, l’eccesso di alcol e l’uso di droghe resta comunque la prima raccomandazione da seguire se sì è alla ricerca di un figlio.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola il tuo ciclo mestruale

Calcola il periodo di ovulazione

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Gambe sollevate in gravidanza: possono aver danneggiato il bambino?

08/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Durante la gravidanza, quando preoccupazioni che oggettivamente non hanno ragione di sussistere non danno tregua, mantenendo la futura mamma in uno stato ansioso costante, può senz'altro essere opportuno ricorrere all'aiuto di uno psicoterapeuta. Le continue paure ingiustificate possono, infatti, essere...  »

Tosse violenta che non passa in una bimba di 4 anni: qual è la causa?

02/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Anche se di rado, una tosse secca, insistente, che nulla calma può essere dovuta al tappo di cerume: per escludere questa possibilità basta che il pediatra ispezioni accuratamente i condotti uditivi del bambino.  »

Collo dell’utero raccorciato in 25^ settimana: è possibile che torni a posto?

01/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In effetti la cervice può recuperare qualche millimetro, in assenza di contrazioni uterine, quindi non è detto che una minaccia di parto prematuro comporti con certezza la nascita del bambino molte settimane prima rispetto alla data prevista.  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti