Il Covid-19 non danneggia la fertilità delle donne

Roberta Raviolo A cura di Roberta Raviolo Pubblicato il 08/06/2021 Aggiornato il 08/06/2021

Molte donne temono che il Sars-CoV-2 possa avere conseguenze sulla possibilità di avere un bambino. Ma gli esperti rassicurano: il Covid-19 non danneggia la fertilità

Il Covid-19 non danneggia la fertilità delle donne

La polmonite interstiziale da Sars-CoV-2 ha molte conseguenze negative sull’organismo, come è ormai accertato, ma non ha effetti negativi sulle capacità riproduttiva femminile. Alcune ricerche, infatti, hanno dimostrato che nelle donne che hanno contratto la malattia la riserva ovarica() non è diminuita. In altre parole, il Covid-19 non danneggia la fertilità delle donne.

Il virus non danneggia la quantità degli ovociti

La riserva ovarica, ossia il numero di ovociti presenti nelle ovaie, è più elevata in giovane età e diminuisce con il passare degli anni, ma può essere condizionata anche da altri fattori, per esempio trattamenti medici. Per questa ragione, alcuni centri per la fecondazione assistita hanno voluto verificare se tra questi fattori dannosi ci fosse anche il Sars-CoV-2. Così, 46 donne, che avevano tutte contratto e superato il Covid-19,  in cura presso questi centri per la fecondazione assistita, sono state coinvolte in uno studio specifico. A tutte, è stata effettuata l’analisi dell’ormone anti-mülleriano o Amh, una proteina che viene prodotta dalla donna dai follicoli ovarici. La quantità rilevata è stata posta in confronto con quella ottenuta dallo stesso esame, effettuato non oltre sei mesi prima. I risultati hanno mostrato che l’infezione non ha influito minimamente sullo stato della riserva ovarica. Si può, quindi, affermare che le possibilità di successo di un trattamento di Procreazione medicalmente assistita rimangono inalterate. Saranno ovviamente necessari ulteriori approfondimenti, ma al momento è confortante la notizia che il Covid-19 non danneggia la fertilità delle donne.

Perché è necessario sottoporsi al vaccino

Questi risultati potrebbero indurre a pensare che, allora, non sia necessario che la donna in età fertile si sottoponga al vaccino contro il Covid-19. È stata la scelta iniziale di molte giovani donne inglesi, che a causa di una notizia riportata in modo scorretto hanno iniziato a rifiutare il vaccino, nella convinzione che potesse causare danni alle capacità riproduttive. In realtà, così come il Covid-19 non danneggia la fertilità, allo stesso modo il vaccino è sicuro e non solo: protegge dagli effetti della malattia vera e propria che, contratta in gravidanza, espone la donna a molti rischi. Uno di questi è la possibilità di dover ricorrere alla ventilazione artificiale a causa delle difficoltà respiratorie, oppure di mettere al mondo un bambino prematuro, soprattutto se esistono già fattori predisponenti come il diabete gestazionale o l’ipertensione arteriosa. Sono aspetti che vanno valutati con attenzione, perché secondo gli esperti il Covid-19 ha riacceso il desiderio di famiglia, quindi la maternità va affrontata in sicurezza e piena consapevolezza.

 

 

 

 
 
 

Da sapere!

Nel caso degli uomini, si può in alcuni casi verificare una temporanea riduzione della motilità degli spermatozoi, a causa degli effetti del virus da Sars-Cov2. Sembra però che questa situazione sia reversibile, ma anche nel caso dei maschi è opportuno sottoporsi al vaccino.

 

Fonti / Bibliografia

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola il tuo ciclo mestruale

Calcola il periodo di ovulazione

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Anticorpi: con che quantità si può rinviare la seconda o la terza dose?

17/01/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Fabrizio Pregliasco

A oggi non è ancora stato stabilito quale valore relativo agli anticorpi assicuri una copertura tale da consentire di rimandare (o, peggio, evitare) la vaccinazione.   »

Bimbo difficile, mamma esasperata

11/01/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Può essere davvero emotivamente insostenibile gestire un bambino che urla e piange ogni volta che ci si allontana. Ma la soluzione ci può essere.   »

Fimosi in un bimbo di quattro anni: che fare?

07/01/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

A volte per risolvere la fimosi è sufficiente la "ginnastica prepuziale", tassativamente vietata prima dei due anni di vita (salvo casi particolari), che richiede dolcezza e mano lieve, perché diversamente si rischia un peggioramento della situazione.   »

Fai la tua domanda agli specialisti