Affrontare l’infertilità anche dal punto di vista psicologico è importante

Roberta Raviolo A cura di Roberta Raviolo Pubblicato il 02/08/2021 Aggiornato il 02/08/2021

Per la coppia non è facile affrontare l’infertilità, sia dal punto di vista fisico sia da quello psicologico. È importante farsi aiutare dagli esperti

Affrontare l’infertilità anche dal punto di vista psicologico è importante

Oggi l’infertilità è una malattia ufficialmente riconosciuta anche dall’Organizzazione Mondiale della Sanità. Nel nostro Paese, riguarda circa il 15 per cento delle coppie e colpisce sia donne sia uomini. È un problema che è sempre esistito, ma che è percentualmente cresciuto negli ultimi anni, per cause ancora in parte da scoprire. Eppure, oggi si fatica a percepire la difficoltà riproduttiva come malattia, perché è una condizione che riguarda non un singolo individuo, ma una coppia. Inoltre, non è caratterizzata da sintomi fisici ma è rappresentata da qualcosa che non c’è, ossia il bambino assente. Per questo è così difficile affrontare l’infertilità. Si tratta di un lutto difficile da elaborare per la mancanza di una perdita reale, che però coinvolge tutte le aree della vita: affettiva, relazionale, familiare e lavorativa.

La donna ne risente di più

Anche se è la coppia a dover affrontare l’infertilità, è la donna a risentire maggiormente di questa condizione perché è tradizionalmente considerata creatrice di vita. Secondo gli esperti di infertilità e di fecondazione assistita, ancora oggi circolano pregiudizi totalmente infondati sulla maternità. In passato, l’infertilità veniva vissuta come una “colpa” dal momento che il valore di una donna si misurava con la sua capacità di generare. Oggi, anche se la società si è evoluta, la diagnosi di infertilità ha ancora un impatto emotivo molto forte. Le donne soffrono di più, anche se il problema è del maschio. Gli uomini, invece, quando l’infertilità dipende da loro, faticano ad accettare il problema perché lo vivono soprattutto come minaccia alla propria virilità. Non sono poche le coppie che arrivano al divorzio per lo stress e il dolore.

Occorre il supporto psicologico

Per questa ragione è essenziale affrontare l’infertilità con una certa attenzione all’aspetto psicologico. Questo vale sia quando la coppia rinuncia all’idea di un figlio, sia quando decide di ricorrere a un percorso di procreazione medicalmente assistita. È essenziale garantire alla coppia il sostegno da parte di psicologi esperti nella coppia durante tutto il percorso di fecondazione assistita.
I trattamenti di Pma prevedono ostacoli e difficoltà che possono minare l’unità della coppia e creare delle crisi. L’assistenza psicologica è importante anche per controllare lo stress e lo stato emotivo negativo che possono incidere sul buon esito del trattamento. Inoltre, non solo lo psicologo ma anche il medico deve mantenere un approccio empatico che costituisce parte integrante di un percorso volto che deve curare l’infertilità e accudire l’emotività.

 

 

 
 
 

Lo sapevi che?

Una coppia può essere definita infertile quando la gravidanza non arriva dopo un anno di rapporti sessuali regolari, senza uso di contraccettivi. In questo caso è bene rivolgersi al medico.

 

Fonti / Bibliografia

  • Sostegno Psicologico - IVI ItaliaEssere forti emotivamente è un fattore che esercita un importante influsso sul successo dei trattamenti di procreazione assistita. IVI dispone di un’Unità di Sostegno Psicologico nelle proprie cliniche di procreazione assistita, con professionisti preparati e specializzati nella materia di cui danno consulenza e che assistono continuativamente i pazienti.
  • Ministero della Salute
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola il tuo ciclo mestruale

Calcola il periodo di ovulazione

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dubbio dopo l’ecografia: il bimbo potrebbe essere basso di statura?

15/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elsa Viora

I fattori che determinano la crescita durante la vita intrauterina sono diversi da quelli che la influenzano dopo la nascita: un bambino che viene alla luce di due chili potrebbe, da adulto, tranquillamente arrivare ai 190 centimetri di statura, un neonato di 4 chili potrebbe non superare i 170 centimetri....  »

Lievissime perdite di sangue a inizio gravidanza: c’è da spaventarsi?

12/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Un lieve sanguinamento nel primo periodo della gravidanza può non essere significativo e questo vale soprattutto se l'ecografia accerta la presenza, in normale evoluzione, della camera gestazionale e dell'embrione.  »

Psicofarmaci in gravidanza: è giusto sospenderli?

05/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

L'impiego degli SSRI è compatibile con lo stato di gravidanza e non espone a particolari rischi, mentre può essere pericoloso sospenderli o anche solo diminuirne il dosaggio rispetto a quello necessario per controllare il disturbo dell'umore.   »

Piccolissimo con diagnosi di reflusso: che fare?

31/08/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Annamaria Staiano

Non bisogna immediatamente giungere alla conclusione che il rigurgito del latte dopo le poppate, frequentissimo nei primissimi mesi di vita, sia segno di una patologia. Molto più spesso è solo l'espressione di un'immaturità dei meccanismi che impediscono ai liquidi di risalire dallo stomano all'esofago,...  »

Gravidanza che sta durando più di 40 settimane: perché?

29/08/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Una durata della gravidanza compresa tra le 38 e le 42 settimane rientra nella normalità. A influenzare la lunghezza della gravidanza è anche la familiarità.  »

Fai la tua domanda agli specialisti