Cause di infertilità: anche diabete e tiroide

Roberta Camisasca A cura di Roberta Camisasca Pubblicato il 17/12/2018 Aggiornato il 17/12/2018

Gli specialisti puntano il dito contro alcune alterazioni metaboliche, diabete e disfunzioni tiroidee, indicate tra le cause di infertilità

Cause di infertilità: anche diabete e tiroide

L’infertilità negli ultimi decenni è diventata sempre più una malattia sociale: si stima che il 15% delle coppie possa andare incontro a difficoltà nel concepimento, con una equa ripartizione fra fattori maschili, femminili e di coppia. Tra le cause di infertilità, anche il diabete e le disfunzioni alla tiroide. A sottolinearlo è l’Ame (Associazione medici endocrinologi).

Diabete e infertilità maschile

La fertilità negli uomini con diabete mellito è generalmente ridotta rispetto alla popolazione generale: la motilità spermatica è più bassa e sono più frequenti difetti e immaturità del liquido seminale. Nelle donne con diabete, invece, non vi è evidenza di fertilità ridotta: queste donne hanno circa il 95% della probabilità di avere un bambino, a patto che controllino bene il diabete prima e durante la gravidanza. Programmare la gravidanza in un periodo di ottimale controllo metabolico è dunque indispensabile per minimizzare possibili malformazioni nell’embrione che, con un diabete fuori controllo, si presentano con una frequenza di 4-5 volte superiore rispetto alla popolazione generale. L’ottimale equilibrio metabolico prima e durante la gravidanza riduce inoltre la frequenza di gravi complicanze.

Tiroide osservata speciale

Le disfunzioni della tiroide sono tra le cause di infertilità sia nelle donne sia negli uomini ed è quindi consigliabile una valutazione della funzionalità tiroidea in caso di infertilità della coppia. Nelle donne, benché gli ormoni tiroidei influenzino direttamente l’attività degli ovociti e la recettività dell’endometrio nell’utero, l’interferenza maggiore con la fertilità avviene tramite le alterazioni dell’ormone prolattina in caso di ipotiroidismo che, anche se lieve, porta quasi sempre a una riduzione della funzione riproduttiva.

Tante conseguenze

Sia in caso di ridotta o aumentata funzionalità della tiroide, ipotiroidismo e ipertiroidismo, si possono avere infertilità, più frequenti interruzioni di gravidanza, malformazioni e complicanze. Negli uomini sia l’ipotiroidismo sia l’ipertiroidismo si associano a una riduzione della produzione del testosterone che influenza la funzione sessuale portando a eiaculazione precoce, alterazioni della libido, disfunzione erettile. La minor quantità di testosterone porta anche a una riduzione del numero degli spermatozoi prodotti e della loro qualità, con più frequenti difetti della mobilità e immaturità che influenzano il potenziale di fertilità maschile.

Da sapere!

Il rischio di trasmissione del diabete preoccupa molte coppie, dove uno o entrambi i partner hanno il diabete alcuni studi evidenziano un aumento rischio rispetto alla popolazione generale.

 

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dubbio sull’intervallo di somministrazione dei vaccini

11/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Per ogni vaccino, compreso l'anti-meningococco B, è stato individuato l'intervallo tra la somministrazione delle dosi che assicura la migliore risposta del sistema di difesa naturale e, quindi, la migliore protezione.   »

Ovulazione: può verificarsi anche se si prende la pillola?

31/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Ci sono casi in cui, nonostante l'assunzione del contraccettivo orale, la donna continua a essere fertile: accade, per esempio, se è in sovrappeso.   »

Svezzamento: quali regole seguire?

30/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

le linee guida relative allo svezzamento sono molto cambiate rispetto ad alcuni anni fa: oggi vi è molta più libertà d'azione, da usare però secondo i criteri dettati dal buon senso. Ma se si vuole andare "alla vecchia", nulla lo vieta.   »

Fai la tua domanda agli specialisti