Concepimento e infertilità: diagnosi precoce, dieta e cure. Tutto quello che c’è da sapere

Roberta Raviolo A cura di Roberta Raviolo Pubblicato il 01/03/2023 Aggiornato il 01/03/2023

Il fattore principale di rischio per l’infertilità di coppia è l’età, ma le cause sono numerose e riguardano sia l’uomo sia la donna. Ecco quello che c’è da sapere su concepimento e infertilità

Concepimento e infertitlità sono problemi che riguardano un numero sempre ipù crescente di coppie. Ecco come porvi rimedio

Si parla di infertilità di coppia quando la gravidanza non arriva dopo un anno di rapporti sessuali senza uso di contraccettivi. Nel nostro Paese, secondo stime recenti concepimento e infertilità riguarda circa il 15% del totale, quindi oltre una su dieci. Le cause sono numerose: scopriamo quali sono e vediamo in che modo si può evitare che danneggino la capacità di concepire.

Infertilità di coppia, le cause per lei

A volte l’infertilità di coppia può dipendere da alcuni problemi della donna.

Età avanzata

Ogni donna alla nascita possiede una riserva ovarica (ossia un certo numero di ovociti) già prestabiliti che non si rinnovano. Ogni mese circa, con il flusso mestruale, il numero delle cellule uovo si riduce e anche la loro qualità. Per questo le possibilità di una gravidanza diminuiscono. Una donna a 30 anni è meno fertile di quando ne aveva 20, poi le capacità di concepire si riducono dopo i 40 anni e sono pari quasi a zero verso la menopausa.

Problemi delle ovaie

Le cisti ovariche sono formazioni presenti sulla periferia delle ovaie, formatesi da follicoli ovarici che hanno liberato la cellula uovo. Le cisti, che possono essere molto numerose, producono ormoni maschili, i quali interferiscono con la fertilità della donna.

Endometriosi

È una malattia che consiste nella formazione di cisti endometriosiche (il tessuto che riveste l’utero) al di fuori dell’utero stesso: in tube, ovaie, vagina, retto. Questa malattia impedisce la fecondazione e l’attecchimento dell’ovocita nell’utero, rendendo difficoltosa o del tutto impossibile l’inizio di una gravidanza. Altri sintomi sono mestruazioni abbondanti e dolorose.

Peso in eccesso o troppo scarso

Concepimento e infertilità sono spesso legati al peso. Spesso una donna in sovrappeso ha problemi di eccesso di insulina nel sangue. Si tratta di una condizione chiamata iperinsulinemia, della quale soffrono anche le donne che, pur non avendo chili di troppo, hanno cisti ovariche. L’insulina stimola la produzione di ormoni androgeni, che causa irregolarità nel ciclo mestruale, riducendo anche le fertilità. Possono essere presenti altre manifestazioni come perdita di capelli, acne, comparsa di peli sul viso.  

Abitudini scorrette

Assunzione di alcolici, fumo, alimentazione inadeguata possono, in modi diversi, influenzare la fertilità femminile impedendo l’avvio della gravidanza.

Concepimento e infertilità: quali sono le cause maschili

Problemi di concepimento e infertilità possono riguardare lui. Anche l’uomo, infatti, può avere problemi che portano alla comparsa di situazioni di infertilità di coppia. La differenza è che, per ragioni spesso culturali, l’uomo non si sottopone regolarmente a controlli andrologici. Visite dallo specialista permetterebbero di individuare problemi che potrebbero essere curati per tempo. Ecco i più frequenti.

Varicocele

Si tratta della dilatazione delle vene dello scroto, il sacchetto che contiene i testicoli. Questa condizione provoca l’aumento della temperatura all’interno dei testicoli stessi, con danni alla produzione degli spermatozoi.

Problemi ai testicoli

Traumi ricevuti nella zona dei testicoli, discesa mancata dei testicoli nel sacco scrotale possono essere collegati con una riduzione della capacità di produrre spermatozoi maturi e sani.

Assunzione scorretta di sostanze

L’uso di steroidi anabolizzanti e testosterone, che può essere frequente tra coloro che praticano culturismo e palestra ad alti livelli può interferire con la salute e la motilità degli spermatozoi. Altri farmaci pericolosi per la fertilità maschile sono i cortisonici, lo spironolattone, alcuni ormoni soprattutto se presi senza controllo medico.

Problemi ormonali

Disfunzioni ormonali, legati alla funzionalità della tiroide ma non solo, possono causare anche nell’uomo alterazioni nella funzione sessuale, sia a livello di desiderio, sia di fertilità.

Come è possibile difendere la fertilità?

Esistono alcune regole sempre valide per proteggere la propria fertilità.

  • Sottoporsi a visita specialistica: le ragazze dal ginecologo con la prima mestruazione, i maschi dall’urologo o andrologo durante l’adolescenza;
  • Mantenere un corretto peso corporeo attraverso una dieta sana e la pratica di attività fisica regolare;
  • In generale preferire una dieta ricca di frutta, ortaggi, pesce, olio di oliva e limitare il cibo spazzatura;
  • Utilizzare sempre il preservativo per i rapporti sessuali occasionali;
  • Non sottovalutare disturbi alla sfera intima come irregolarità mestruali nella donna, dolori, bruciori, perdite anomale;
  • Evitare il fumo, gli alcolici e le sostanze psicoattive in generale;
  • Indossare indumenti intimi non troppo attillati e in tessuto naturale.

 

 
 
 

In sintesi

Le malattie sessualmente trasmesse possono danneggiare la fertilità?

Alcune infezioni come sifilide, clamidia e altre sono pericolose perché nella donna causano infiammazioni alle tube e ad altre strutture dell’apparato sessuale, che possono dare il via ad aderenze, che impediscono il passaggio degli ovociti. Nell’uomo possono risalire ai testicoli e interferire con la produzione di spermatozoi sani.

Quali sono i controlli che si effettuano per la fertilità di coppia?

Nella donna si effettuano esami del sangue che comprendono anche i dosaggi ormonali e il controllo della funzionalità tiroidea. In un secondo momento si effettuano esami strumentali come ecografia, isteroscopia e laparoscopia per il controllo di ovaie e utero. Nell’uomo si effettua l’esame del liquido seminale, oltre al dosaggio di testosterone e ormoni tiroidei. L’ecografia scrotale esclude varicocele o altri problemi ai testicoli.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola il tuo ciclo mestruale

Calcola il periodo di ovulazione

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Camera gestazionale piccola dopo la PMA

04/03/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Anche in una gravidanza avviata grazie a un percorso di procreazione medicalmente assistita è possibile che avvenga qualcosa che rallenta lo sviluppo dell'embrione, ma non è detto che quando accade tutto sia perduto.   »

Mal di gola che ritorna dopo la cura con antibiotico

28/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

A fronte di un mal di gola che si ripresenta dopo quattro giorni dal termine della cura con antibiotico è opportuno fare un tampone per escludere la responsabilità dello streptococco.   »

Aborto spontaneo: l’espulsione potrebbe non avvenire naturalmente?

26/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Dopo un mese da un'interruzione spontanea della gravidanza, se l'utero non si è ripulito spontaneamente, è prassi intervenire con il raschiamento. A volte, in alternativa, è possibile anche impiegare i farmaci.  »

Fai la tua domanda agli specialisti