Fertilità maschile: troppo sport può ridurre la libido

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 31/07/2017 Aggiornato il 17/07/2018

Corsa e nuoto fanno bene alla fertilità maschile se praticati con buon senso: niente esagerazioni. No anche al fumo. Sì alle camminate e al caffè

Fertilità maschile: troppo sport può ridurre la libido

Troppo esercizio fisico di tipo aerobico può nuocere alla fertilità maschile. A suggerirlo è uno studio dell’University of North Carolina di Chapel Hill (Stati Uniti), da cui è emerso che praticare regolarmente attività fisica di tipo aerobico (come la corsa e il nuoto) con troppa intensità o frequenza si associa a una riduzione della libido maschile, in quanto viene soppressa la produzione di alcuni ormoni, testosterone incluso.

Fertilità maschile in caduta libera

Sono oltre 250mila in Italia le coppie considerate infertili e, in circa la metà dei casi, è il maschio a esserne “responsabile”, secondo la Sia (Società italiana di andrologia). Tuttavia le cause maschili di infertilità sono spesso trascurate: 1 coppia su 4 tra quelle che ricorrono alla procreazione medicalmente assistita “salta” il controllo dall’andrologo e a queste si aggiunge il 25% delle coppie che non si rivolgono ai centri per la fertilità. Così oltre 60mila coppie “dimenticano” diagnosi e cura del maschio.

Altri fattori di rischio

Al momento non è possibile stabilire quale sia il livello di esercizio pericoloso per la sessualità maschile. Per il momento il monito dei ricercatori è quello di prendere in considerazione, in caso di problemi di infertilità maschile, il tipo e la frequenza di sport praticato, e dare consigli su come fare sport in modo sicuro. Non solo troppo esercizio fisico di tipo aerobico può nuocere alla fertilità maschile: gli esperti sottolineano come altri fattori modificabili possano influenzare negativamente la possibilità di diventare padri. Secondo un’indagine condotta dalla Sifes (Società italiana di fertilità e sterilità) su un campione di quasi 1.500 ragazze e ragazzi tra i 14 e i 26 anni, è necessario mettere al corrente i giovani dei rischi legati a malattie a trasmissione sessuale, fumo, droghe e abuso di alcol, che possono compromettere la salute riproduttiva.

Mille passi al giorno

Oltre a ricordare che troppo esercizio fisico di tipo aerobico può nuocere alla fertilità maschile, dunque, gli specialisti ribadiscono il beneficio di una sana camminata. Fare mille passi al giorno migliora la funzionalità sessuale. È bene anche rinunciare al fumo: con più di 10 sigarette al giorno il rischio di disfunzione erettile sale del 30%, e se le sigarette sono più di di 20 sigarette schizza al 60%. Al contrario, tre caffè al giorno non compromettono la fertilità e riducono il rischio di fare flop a letto.

 

 

Lo sapevi che?

Circa 7 ragazzi su 10 non hanno mai pensato di fare un controllo medico per assicurarsi della propria salute riproduttiva.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola il tuo ciclo mestruale

Calcola il periodo di ovulazione

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Vaccinazione in bimba di 5 anni: ci sono pericoli se la mamma è incinta?

04/08/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Antonio Clavenna

Durante la gravidanza non ci sono rischi se si sottopone il primogenito alla vaccinazione contro difterite-tetano-pertosse-poliomielite.  »

A 9 mesi legumi sì o no?

03/08/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Chiara Boscaro

I legumi possono essere introdotti nell'alimentazione del bambino a partire dal sesto mese di vita, a patto che siano decorticati.   »

Bimba di due anni problematica: ma lo è davvero?

27/07/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Ci sono casi in cui non è il bambino a essere particolarmente difficile da gestine, ma i genitori a nutrire aspettative sul suo comprotamento che lui, per via della sua età, non può (ancora) soddisfare.  »

Fai la tua domanda agli specialisti