Il cellulare in tasca danneggia la fertilità e la qualità dello sperma

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 15/07/2014 Aggiornato il 15/07/2014

Rischio fertilità: le radiazioni elettromagnetiche a radiofrequenza dei cellulari portati nelle tasche dei pantaloni influiscono sulla qualità dello sperma

Il cellulare in tasca danneggia la fertilità e la qualità dello sperma

Attenzione ai cellulari: se portati a stretto contatto con il corpo, mettono a rischio la fertilità, e questo vale soprattuttto per gli uomini, perché l’esposizione alle radiazioni elettromagnetiche a radiofrequenza causata dal trasporto del telefonino nelle tasche dei pantaloni influisce negativamente sulla qualità dello sperma. L’allarme arriva dall’Università di Exeter in base a uno studio effettuato da alcuni ricercatori dell’ateneo inglese. È risultato, infatti, che gli uomini che hanno l’abitudine di tenere il cellulare nella tasca dei pantaloni potrebbero inconsapevolmente mettere a rischio la propria fertilità.

Troppi telefonini, scarsa fertilità

Secondo lo studio dell’Università di Exeter, pubblicato sulla rivista scientifica Environment International, la maggior parte della popolazione adulta globale possiede un telefonino, mentre circa il 14 per cento delle coppie nei paesi ad alto e medio reddito ha difficoltà a concepire. Questa condizione di non fertilità, ha portato a un ulteriore approfondimento da parte degli studiosi per comprendere quali effetti generasse l’impiego quotidiano degli apparecchi che producono radiazioni elettromagnetiche a radiofrequenza.

Sotto osservazione 1.492 persone

La ricerca sulla condizione di fertilità ha valutato l’impatto dell’esposizione ai cellulari in tasca su diversi parametri relativi alla qualità dello sperma, analizzando un campione di 1.492 persone. I parametri utilizzati sono stati la motilità (vale a dire l’abilità dello spermatozoo di muoversi verso un ovulo), la vitalità – ovvero, l’abilità dello spermatozoo di restare vivo – e la concentrazione, cioè il numero di spermatozoi per unità di seme.

L’esposizione ai telefonini è dannosa

Dalla ricerca è emerso un quadro allarmante: nel gruppo di controllo dal 50 all’85 per cento degli spermatozoi mostrava movimenti normali, ma la proporzione crollava in media di otto punti percentuali in presenza di esposizione ai telefonini. Effetti analoghi sono emersi sulla vitalità.

In breve

UN PROBLEMA MONDIALE

L’impatto è ancora più importante sugli uomini che hanno già problemi di fertilità. “Dato l’enorme ricorso mondiale ai telefonini – spiegano i ricercatori inglesi – il ruolo potenziale di questa esposizione ambientale sulla fertilità maschile deve essere approfondito. I nostri risultati suggeriscono con forza che un impatto potrebbe essere particolarmente rilevante per quegli uomini che già hanno problemi di fertilità”. 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola il tuo ciclo mestruale

Calcola il periodo di ovulazione

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Gravidanza e paura di effettuare il tampone vaginale

10/08/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Durante i nove mesi di gestazione, effettuare il tampone vaginale non espone ad alcun rischio, quindi può essere affrontato in assoluta tranquillità.   »

Placenta vicina all’OUI: potrebbe allontanarsi?

10/08/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Nel corso della gravidanza la placenta può spostarsi dall'orifizio uterino in quanto l'utero gradualmente si distende in lungo e in largo  »

Bimba di due anni problematica: ma lo è davvero?

27/07/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Ci sono casi in cui non è il bambino a essere particolarmente difficile da gestine, ma i genitori a nutrire aspettative sul suo comprotamento che lui, per via della sua età, non può (ancora) soddisfare.  »

Fai la tua domanda agli specialisti