Il Covid-19 può compromettere la fertilità negli uomini?

Lorenzo Marsili A cura di Lorenzo Marsili Pubblicato il 22/02/2022 Aggiornato il 22/02/2022

Il Covid-19 agisce anche sulla fertilità negli uomini, riducendo il numero e la motilità degli spermatozoi di moltissimi pazienti per almeno tre mesi

Il Covid-19 può compromettere la fertilità negli uomini?

Il Covid-19 influisce anche la fertilità maschile. A rivelarlo è una ricerca pubblicata sulla rivista Fertility and Sterility e coordinata dal Genk Institute for Fertility Technology. Nessuna traccia del virus nel liquido seminale degli uomini presi in esame, ma l’azione del Covid-19 comporta una minore motilità e un ridotto numero di spermatozoi per almeno tre mesi.

Il Covid-19 influenza liquido seminale e spermatozoi?

Condotto su 118 uomini di età compresa tra 18 e 70 anni che hanno contratto il Covid-19 durante la prima ondata della pandemia, lo studio dei ricercatori belgi ha rivelato come il virus non entri direttamente nel liquido seminale maschile, anche dopo 53 dalla positività, con zero tracce di Rna del Covid-19  in tutti i pazienti analizzati.

Quello che, invece, gli studiosi hanno evidenziato è un’azione sugli spermatozoi, ridotti sensibilmente nella mobilità e nel numero. Con il passare del tempo, il problema rientra, passando da una mobilità media ridotta del 60% nel primo mese dall’infezione, del 37% nel secondo e del 28% al terzo.

Per quanto riguarda il numero di spermatozoi, i dati parlano di una curva simile, passando dal -37% negli uomini valutati nel corso del primo mese, al -29% tra il primo e il secondo e al -6% successivamente.

Come si vede se un uomo è sterile?

I risultati parlano di oligozoospermia (carenza di spermatozoi) nel 25,4% degli uomini che avevano contratto il Covid-19, di astenozoospermia (spermatozoi con mobilità ridotta) nel 44,1% dei pazienti e di teratozoospermia (malformazione degli spermatozoi) in ben il 67% dei casi.

Solo nel 24,6% degli uomini, il virus non ha portato a problematiche al liquido seminale. Dati preoccupanti e che necessitano di ulteriori approfondimenti anche per valutare eventuali danni permanenti alla fertilità maschile.

In ogni caso, per le coppie che desiderano avere una gravidanza, il consiglio è quello di attendere i tre mesi dopo la negatività dal Covid-19, così da avere liquido seminale più vicino alla normalità.

 

 

 

 

 
 
 

In sintesi

Quali sono i giorni fertili di un uomo?

A differenza della donna, che ha picchi di fertilità mensili, l’uomo –  a partire dalla pubertà –  resta fertile in maniera costante, senza oscillazioni all’interno del mese.

La vaccinazione anti-Covid-19 influenza la fertilità?

No, il vaccino anti-Covid (qualunque esso sia) non ha alcun potere di incidere sulla fertilità sia maschile sia femminile.

 

Fonti / Bibliografia

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola il tuo ciclo mestruale

Calcola il periodo di ovulazione

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Neo sospetto: meglio toglierlo subito o basta tenerlo sotto controllo?

23/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

Un neo dall'aspetto poco rassicurante va asportato allo scopo di comprenderne, attraverso l'esame istologico, la natura. Non è però necessario procedere tempestivamente, ma è possibile attendere fino a sei mesi (non di più!) per farne ricontrollare l'evoluzione.   »

Bimbo che rifiuta pranzi e cene (ma come dargli torto?)

20/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Se a un bambino vengono sistematicamente proposti primi e pietanze poco allettanti, costituiti da un insieme di alimenti che, mescolati insieme, perdono sapore si deve mettere in preventivo che a un certo punto si rifiuti di inghiottirli.   »

Piccolissimo che piange perché vuole stare in braccio

20/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Non stupisce affatto che un bimbo di neppure due mesi smetta di piangere solo quando viene preso in braccio dalla madre. Spetta a quest'ultima trasmettergli l'affettuoso, rassicurante messaggio di esserci per lui sempre e comunque, anche quando è nella culla.   »

Fai la tua domanda agli specialisti