Infertilità, con lockdown trascurata dal 50% delle coppie

Lorenzo Marsili A cura di Lorenzo Marsili Pubblicato il 06/08/2021 Aggiornato il 06/08/2021

Durante il lockdown imposto dalla pandemia da Covid-19 il numero di coppie che si è rivolto al medico per curare l’infertilità è dimezzato

Infertilità, con lockdown trascurata dal 50% delle coppie

Con la pandemia in corso in molti hanno deciso, o sono stati obbligati, a rinviare qualcosa. Poco male se la cosa rinviata è un viaggio di piacere, le priorità sono altre. Peggio però quando si rimandano visite mediche specialistiche, come nel caso di problemi di fertilità maschile. I dati parlano chiaro, durante il lockdown ben una coppia su due non si è rivolta all’andrologo, prima della pandemia era una su quattro.

Una riduzione drastica

Questa drastica riduzione dell’accesso alle cure rischia di compromettere irrimediabilmente la fertilità. Una situazione che diventa ancora più critica se si considerano i minori accessi alla banca del seme e la riduzione delle probabilità di successo della Pma (Procreazione medicalmente assistita).

Infertilità e lockdown

I dati riferiti agli ultimi trent’anni hanno visto raddoppiare i casi di infertilità maschile, portando a 2 milioni di italiani ipo-fertili stimati e più di 250mila coppie infertili. Le cause di questa vera e propria esplosione sono da ricercare nel consumo di alcool e di fumo, in un’alimentazione poco sana, ma anche nei casi infezioni trascurate e nell’annoso problema delle diagnosi tardive. E il lockdown non ha fatto che peggiorare le cose.

L’allarme della Sia

La segnalazione ha il sapore amaro del grido d’allarme e arriva dagli esperti della Sia (Società italiana di andrologia). Come sottolineato dal presidente della Sia, Alessandro Palmieri, vedere crescere gli accessi alla PMA e i casi di concepimento naturale sarebbe possibile se solo ginecologi e andrologi collaborassero maggiormente quando le coppie si rivolgono ai centri di fertilità. Una collaborazione tra colleghi che deve avvenire a tutti i livelli: dalla prevenzione alla cura, passando ovviamente dalla diagnosi. E questo è ancora più vero dopo il lockdown.

Un documento fondamentale

In questo solco si inserisce il documento a cui sta pensando la Sia per condividere esperienze, terapie e rimedi migliori per curare l’infertilità maschile. Si chiamerà Documento di consenso per la gestione clinica del maschio infertile e sarà un documento importante, vista anche la mancanza nel nostro Paese di linee guida ufficiali per la cura dell’infertilità maschile. Si parlerà qui di trattamenti, farmaci e integratori ma anche alimentazione e stile di vita.

 

 
 

Da sapere!

La maggiore e condivisa propensione a rimandare la paternità rientra tra le cause di infertilità: passati i 40 anni risulta più difficile avere figli anche per gli uomini, non solo per le donne.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola il tuo ciclo mestruale

Calcola il periodo di ovulazione

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Fontanella anteriore chiusa in una bimba di 4 mesi: è preoccupante?

20/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Carlo Efisio Marras

Se l'accrescimento della circonferenza cranica è regolare e se lo sviluppo neuropsicologico è adeguato all'età, la chiusura precoce della fontanella non deve destare alcuna preoccupazione.   »

Come togliere il seno a un bimbo di 18 mesi (difficile da gestire)?

15/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Banale eppure risolutivo: per smettere di allattare, quando diventa un peso insostenibile, basta non offrire più il seno e passare alla tazza.   »

Quarto cesareo: ci saranno problemi?

13/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Un quarto cesareo è sempre un intervento difficile per i medici, perché è possibile che i precedenti abbiano lasciato aderenze tra i tessuti uterini e gli organi circostanti, ma questo non significa che non possa andare comunque tutto per il meglio.  »

Bimbo di 4 mesi con fossette nella piega interglutea: c’è da preoccuparsi?

12/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

E' davvero raro che una piccola anomalia in prossimità dell'ano che vari specialisti hanno considerao priva di significato dal punto di vista medico possa essere la spia di spina bifida.   »

Bimbo con dolore forte al lato sinistro dell’addome

05/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Annamaria Staiano

La causa più frequente di un dolore intenso nella parte alta e sinistra dell'addome è quella che i pediatri americani definiscono "stitichezza occulta".  »

Camera gestazionale piccola: c’è da preoccuparsi?

16/08/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se le dimensioni dell'embrione sono giuste per l'epoca, possono non essere significative quelle della camera gestazionale.  »

Fai la tua domanda agli specialisti