Infertilità maschile: 1 coppia su 4 la trascura

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 20/07/2017 Aggiornato il 17/07/2018

Trattare l’infertilità maschile consentirebbe di evitare 8mila procedure di procreazione medicalmente assistita all'anno con un risparmio di 150 milioni di euro

Infertilità maschile: 1 coppia su 4 la trascura

Problemi ad avere un bambino? In caso di infertilità della coppia sono sempre di più i controlli che vengono effettuati sulle donne al fine di individuare quale sia la causa all’origine della difficoltà a concepire. I problemi legati all’ infertilità maschile, invece, sono molto meno presi in considerazione: secondo di dati della Sia, la Società italiana di andrologia, una coppia su 4 con difficoltà a concepire salta il controllo della fertilità maschile.

Un problema in aumento

Come spiega Alessandro Palmieri, presidente Sia e professore dell’Università Federico II di Napoli, “l’ infertilità maschile ha subito negli ultimi anni una forte impennata e ormai il fattore maschile è esattamente sovrapponibile a quello femminile. Eppure, se da un lato si sono moltiplicati i programmi di prevenzione per la donna e, a volte, ci si accanisce nell’individuazione e nel trattamento delle cause dell’infertilità femminile, spesso si trascura l’altra metà della coppia”.

Pochi controlli sugli uomini

Dai dati della Sia emerge che il 25% delle coppie infertili “salta” diagnosi e cure dell’ infertilità maschile, “che consentirebbero – spiega Palmieri – di evitare almeno ottomila procedure di procreazione medicalmente assistita (Pma) all’anno con un risparmio di oltre 150 milioni di euro e, nei casi in cui la procedura resti indispensabile, migliorarne fino al 50% la probabilità di successo”. 

 

 
 
 

Lo sapevi che?

I nuovi Livelli essenziali di assistenza (Lea) per la prima volta mettono in evidenza l’importanza della salute riproduttiva dell’uomo, oltre che della donna, sottolineando l’importanza della consulenza preconcezionale in entrambi i partner e della prevenzione della fertilità attraverso corretti stili di vita.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola il tuo ciclo mestruale

Calcola il periodo di ovulazione

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Tutti figli maschi: casualità o genetica?

24/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Paolo Gasparini

Ogni fecondazione costituisce una storia a sé e ogni volta si hanno le stesse probabilità di concepire un maschio o una bambina. È, dunque, sempre il caso a "tirare i dadi".  »

Concepimento: dopo due mesi non si è ancora verificato, c’è da preoccuparsi?

16/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Non fa bene alla fertilità di coppia farsi prendere dall'ansia del risultato immediatamente dopo aver deciso di avere un figlio. Non è, infatti, automatico che la gravidanza inizi quando viene decisa, ma questo non è affatto preoccupante.  »

Distacco amniocoriale che non si riassorbe con il passare delle settimane

14/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In presenza di un distacco amniocoriale che non si risolve non serve intensificare i controlli, mentre sono utili il riposo e un'alimentazione che favorisca l'attività dell'intestino, perché la stipsi può favorire la comparsa prematura di contrazioni uterine.   »

Fai la tua domanda agli specialisti