Infertilità maschile: il calore riduce la produzione di spermatozoi

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 03/09/2013 Aggiornato il 03/09/2013

Fra i fattori che provocano l’infertilità maschile ci sono anche gli shock termici. Il calore a livello dei genitali diminuisce il numero di spermatozoi

Infertilità maschile: il calore riduce la produzione di spermatozoi

L’infertilità maschile è influenzata da tanti fattori diversi. Un ruolo importante è ricoperto dal calore: se le zone dei genitali sono sottoposte a shock termici la produzione di spermatozoi diminuisce. A lanciare l’allarme è la Società europea di riproduzione umana ed embriologia.

Uomini sempre meno fertili

Secondo gli esperti, negli ultimi 15 anni, nella popolazione maschile, soprattutto di età compresa tra i 18 e i 25 anni, si è registrata una netta diminuzione del numero di spermatozoi, mediamente del 30%. A risentirne è la capacità riproduttiva. Questo perché il numero di spermatozoi è uno dei parametri indicativi del profilo dell’infertilità maschile. E, infatti, i dati rivelano che oggi un uomo su cinque ha difficoltà riproduttive o vera e propria infertilità.

I principali responsabili

Gli elementi che possono influenzare la capacità riproduttiva sono vari. Uno dei nemici principali, forse sottovalutato fino a oggi, è rappresentato dagli shock termici a livello dei genitali. Il calore trasmesso da indumenti troppo aderenti, docce e saune calde ripetute è nocivo per la produzione di spermatozoi. Ma gli shock termici non sono gli unici fattori di rischio per l’infertilità maschile. Occorre fare attenzione anche all’obesità, che determina anch’essa un innalzamento della temperatura nei testicoli, con conseguenze negative sullo sviluppo degli spermatozoi. Inoltre, la presenza di massa grassa è strettamente legata alla diminuzione dei livelli di testosterone, l’ormone che gioca un ruolo fondamentale nella regolazione della funzione sessuale maschile.

No al fumo e allo stress

Chi è alla ricerca di un figlio dovrebbe dire addio anche alle sigarette, che riducono la fertilità e provocano danni al feto, alla sedentarietà e allo stress, un fattore che può influire sui sistemi ormonale e nervoso e, quindi, sulla capacità riproduttiva. Nocive anche alcune sostanze chimiche, come i pesticidi e i derivati tossici della plastica, tipo gli ftalati e il Bisfenolo A, vietato dall’Unione Europea quale componente dei biberon per neonati.

 

In breve

IL NUMERO DI SPERMATOZOI È IMPORTANTE

L’esposizione a fonti di calore può mettere a rischio il concepimento. Comporta, infatti, una riduzione nella produzione di spermatozoi. E il numero di spermatozoi è uno dei parametri indicativi del profilo di fertilità maschile, insieme alla loro forma, vitalità e motilità, oltre che alla viscosità dello sperma. 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola il tuo ciclo mestruale

Calcola il periodo di ovulazione

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Perdite di sangue nel primo trimestre: cosa può essere?

27/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una volta escluso, grazie all'ecografia, che il sanguinamento sia dovuto a un distacco o ad altre complicazioni, occorre capire se la causa potrebbe essere un'infezione.   »

Gravidanza: quando conviene annunciarla a parenti e amici?

26/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Non c'è una regola che stabilisce quando è opportuno comunicare a tutti che si è in attesa di un bambino. Il momento in cui farlo dipende da una scelta personalissima che ogni coppia deve fare in base al proprio sentire.  »

Neo sospetto: meglio toglierlo subito o basta tenerlo sotto controllo?

23/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

Un neo dall'aspetto poco rassicurante va asportato allo scopo di comprenderne, attraverso l'esame istologico, la natura. Non è però necessario procedere tempestivamente, ma è possibile attendere fino a sei mesi (non di più!) per farne ricontrollare l'evoluzione.   »

Bimbo che rifiuta pranzi e cene (ma come dargli torto?)

20/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Se a un bambino vengono sistematicamente proposti primi e pietanze poco allettanti, costituiti da un insieme di alimenti che, mescolati insieme, perdono sapore si deve mettere in preventivo che a un certo punto si rifiuti di inghiottirli.   »

Fai la tua domanda agli specialisti