Infertilità maschile in costante aumento

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 22/09/2015 Aggiornato il 22/09/2015

I casi di infertilità maschile sono sempre più numerosi: il problema sembra colpire ben un giovane su tre

Infertilità maschile in costante aumento

L’infertilità maschile è un’eventualità sempre più frequente, soprattutto tra i giovani. Complice la scarsa prevenzione e gli altrettanto rari controlli medici, un giovane su tre è da considerarsi a rischio infertilità. Negli ultimi 50 anni, la situazione è peggiorata progressivamente: si è registrato un rapido aumento dell’incidenza del problema. Non a caso, quando in una coppia ci sono difficoltà di concepimento, nel 40% dei casi la responsabilità è dell’uomo.

Può dipendere da alcune malattie

Secondo le stime presentate dalla Società italiana di pediatria, l’infertilità maschile oggi riguarda ben il 30% della popolazione Ma quali sono le possibili cause? Oltre a quelle di tipo genetico, difficilmente controllabili, esistono molti altri fattori e malattie responsabili. Il criptorchidismo, per esempio, che interessa circa il 3-5% dei neonati ed è caratterizzato dalla mancata discesa dei testicoli nella loro sede entro il primo anno di vita del bimbo. Altra anomalia che può sfociare nell’infertilità è il varicocele, che colpisce ben il 20% degli adolescenti rimanendo spesso silente, senza diagnosi e cure adeguate. Si tratta della dilatazione di alcune vene dello scroto che può degenerare influendo negativamente la produzione e funzionalità degli spermatozoi. Anche infezioni e infiammazioni possono essere deleterie: l’epididimite, per esempio, ossia l’infiammazione dell’epididimo, un organo collocato dietro il testicolo coinvolto attivamente nella produzione del liquido seminale.

L’importanza dello stile di vita

Anche lo stile di vita svolge un ruolo molto importante sull’infertilità maschile. Dall’abbigliamento troppo stretto, al sovrappeso e obesità, che possono provocare pericolosi squilibri ormonali soprattutto durante la delicata fase della pubertà. Fino al fumo di sigarette, all’utilizzo di droghe e all’assunzione massiccia di bevande alcoliche: tutti vizi che compromettono sensibilmente la capacità riproduttiva maschile.

Attenzione alle malattie sessuali

Da includere tra le possibili cause dell’infertilità negli uomini anche le malattie sessualmente trasmissibili, come il Papilloma virus, la gonorrea o la sifilide, e la disfunzione erettile, meglio conosciuta come impotenza, che nel 5% casi interferisce con la possibilità di diventare padri.

 

 

 
 
 

In breve

L’IMPORTANZA DELLA PREVENZIONE

Per infertilità maschile si intende la ridotta capacità riproduttiva dell’uomo. Una condizione che in molti casi può essere prevenuta con i controlli regolari dal medico e, se necessario, con la diagnosi precoce di eventuali anomalie da parte dello specialista, l’andrologo.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola il tuo ciclo mestruale

Calcola il periodo di ovulazione

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Quinta malattia: sono incinta e forse sono stata contagiata: che fare?

20/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Fabrizio Pregliasco

Nel caso in cui vi sia il dubbio di essere state contagiate dal parvovirus B19, è opportuno effettuare il test per la ricerca degli anticorpi specifici. Questa analisi dle sangue permette di capire se si è state colpite o no dall'infezione.   »

Concepimento: dopo due mesi non si è ancora verificato, c’è da preoccuparsi?

16/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Non fa bene alla fertilità di coppia farsi prendere dall'ansia del risultato immediatamente dopo aver deciso di avere un figlio. Non è, infatti, automatico che la gravidanza inizi quando viene decisa, ma questo non è affatto preoccupante.  »

Distacco amniocoriale che non si riassorbe con il passare delle settimane

14/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In presenza di un distacco amniocoriale che non si risolve non serve intensificare i controlli, mentre sono utili il riposo e un'alimentazione che favorisca l'attività dell'intestino, perché la stipsi può favorire la comparsa prematura di contrazioni uterine.   »

Fai la tua domanda agli specialisti