Bebè in provetta da tre genitori? Verso il “via libera” in Gran Bretagna

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 04/04/2013 Aggiornato il 04/04/2013

Due mamme e un papà per un bebè in provetta con un patrimonio genetico a prova di malattie… Arriva dalla Gran Bretagna una proposta che fa già discutere

Bebè in provetta da tre genitori? Verso il “via libera” in Gran Bretagna

Un bebè in provetta con ben tre genitori. Due mamme e un papà. Arriva dalla Gran Bretagna la notizia della messa a punto di un trattamento di fecondazione in vitro che prevede la “creazione” di un embrione che verrebbe alla luce con un patrimonio genetico che è un mix ottenuto da due donne e un uomo. Una tecnica che molti bioeticisti britannici hanno giudicato etica, in quanto idonea a prevenire malattie che provocherebbero nei bambini disturbi seri quando non metterebbero a repentaglio la loro stessa vita.

Per evitare malattie serie

L’obiettivo del trattamento è rimpiazzare i mitocondri difettosi nei bebè in provetta. Queste piccole centrali energetiche del corpo (presenti a migliaia nelle cellule) sono dotate di un proprio materiale genetico, il Dna mitocondriale, che a volte può essere “difettoso”: solo nel Regno Unito un neonato su 6.500 nasce con una malattia mitocondriale, che può causare debolezza muscolare, cecità, arresti cardiaci.
I mitocondri sono trasmessi solo dalla mamma al bebè. La “fecondazione in vitro a 3” prende le informazioni genetiche di base dalla mamma e dal papà, come da prassi, ma le mette in un ovulo che contiene mitocondri sani, donato da un’altra donna. Questo significa che il bimbo in provetta avrà uno 0,1 per cento di materiale genetico proveniente da un’altra donatrice.

Non mancano le polemiche

In attesa che sul bebè in provetta da 3 genitori si pronunci ufficialmente il Governo inglese, non mancano però le polemiche. Come spesso accade quando si tratta di questi temi così delicati, il mondo scientifico e l’opinione pubblica si sono spaccati. David King, direttore dell’Human Genetics Alert, per esempio, considera la tecnica proposta inutile e molto pericolosa perché “creerebbe un precedente e aprirebbe la strada al design di bambini geneticamente modificati”. In ogni caso, a settembre la Human Fertilisation and Embryology Authority avvierà una consultazione pubblica della quale renderà noti i risultati il prossimo anno.

In breve

IL MONDO SCIENTIFICO È DIVISO

La nuova tecnica messa a punto nel Regno Unito ha riacceso il dibattito sulla fecondazione in vitro. C’è chi sostiene che sia un passo avanti verso la diminuzione dei neonati con malformazioni genetiche o malattie rare, e chi ritiene sia inutile se non addirittura pericolosa.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

TSH oltre il limite: ci sono rischi in gravidanza?

14/02/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Un valore di TSH che supera di poco la soglia considerata ottimale non espone il feto a particolari pericoli. A patto però di assumere l'Eutirox e di controllare con regolarità la funzionalità tiroidea.   »

Ecografia, mammografia, autopalpazione: ecco le indagini per il seno

11/02/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Scoprire tempestivamente la presenza di un nodulo maligno nella mammella salva la vita. Tre sono le indagini che lo permettono.   »

Qual è stato il rapporto sessuale che ha portato al concepimento?

10/02/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Stabilire il giorno esatto del concepimento, in caso di più rapporti sessuali nello stesso mese, è davvero molto difficile in quanto il periodo ovulatorio è influenzato da più variabili.   »

Fai la tua domanda agli specialisti