È nato il primo bimbo italiano da “vitrificazione”

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 08/11/2013 Aggiornato il 08/11/2013

Si chiama “vitrificazione” la nuova tecnica di congelamento degli ovuli che offre maggiori probabilità di successo per il concepimento e la gravidanza.

È nato il primo bimbo italiano da "vitrificazione"

Una bellissima notizia. È nato a Milano lo scorso 26 ottobre il primo bimbo concepito in Italia da congelamento degli ovuli con la tecnica di vitrificazione, tra le più innovative della procreazione assistita. E mamma e bimbo stanno bene.

Una storia a lieto fine

Nel 2008 la mamma decise di sottoporsi al congelamento degli ovuli dopo che le era stato diagnosticato un tumore ovarico. L’obiettivo era quello di preservare la propria fertilità messa a rischio dalle terapie che avrebbe dovuto sostenere per combattere il carcinoma. Nel 2013, allora, la donna dopo aver superato la malattia si ripresenta presso il Centro Genera dove era avvenuto il congelamento degli ovuli per essere sottoposta al trasferimento di un embrione ottenuto dalla fecondazione degli ovociti “congelati” 5 anni prima. E tutto è andato bene.

Il successo di una nuova tecnica

“È un giorno di grande felicità per il nostro staff ma anche una data storica per la medicina della riproduzione italiana che conferma il suo primato europeo nella crioconservazione ovocitaria” ha dichiarato Laura Rienzi, direttrice del laboratorio Genera in cui si sono congelati gli ovuli con la tecnica di vitrificazione degli ovociti.

Ideale per conservare gli ovuli nel tempo

La vitrificazione è il più avanzato processo di congelamento degli ovociti che si effettua dopo una stimolazione ormonale per la induzione follicolare e dopo prelievo degli ovociti per le donne che desiderano preservare la propria fertilità futura. Occorre ricordare che in Italia la legge 40/2004 sulla fecondazione assistita non consente, a parte rari casi, il congelamento degli embrioni, tecnicamente più facile da eseguire. Ma ora anche con gli ovociti ci sono ottime probabilità.

In breve

QUANDO SERVE IL CONGELAMENTO DEGLI OVULI

Il congelamento degli ovuli viene effettuato, in genere, da donne giovani che ricevono una diagnosi di tumore e che decidono di conservare gli ovociti che potrebbero essere distrutti dalle più comuni terapie oncologiche, ma anche nel caso di patologie ginecologiche come l’endometriosi severa, interventi chirurgici invasivi alle ovaie, storia familiare di esaurimento ovarico precoce, oppure anche da donne che decidono, per vari motivi, di posticipare la gravidanza

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

TSH oltre il limite: ci sono rischi in gravidanza?

14/02/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Un valore di TSH che supera di poco la soglia considerata ottimale non espone il feto a particolari pericoli. A patto però di assumere l'Eutirox e di controllare con regolarità la funzionalità tiroidea.   »

Ecografia, mammografia, autopalpazione: ecco le indagini per il seno

11/02/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Scoprire tempestivamente la presenza di un nodulo maligno nella mammella salva la vita. Tre sono le indagini che lo permettono.   »

Qual è stato il rapporto sessuale che ha portato al concepimento?

10/02/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Stabilire il giorno esatto del concepimento, in caso di più rapporti sessuali nello stesso mese, è davvero molto difficile in quanto il periodo ovulatorio è influenzato da più variabili.   »

Fai la tua domanda agli specialisti