Fertilità: il congelamento degli ovociti è indicato a tutte?

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 13/11/2014 Aggiornato il 13/11/2014

Non solo le donne malate, ma anche quelle sane dovrebbero congelare gli ovuli in giovane età, così da preservare la fertilità. Ecco tutti i vantaggi

Fertilità: il congelamento degli ovociti è indicato a tutte?

Ormai è un dato di fatto. In Italia e in tutto il mondo occidentale, la maggior parte delle donne decide di diventare mamma dopo i 30 anni, se non 35 anni… ritrovandosi a fare i conti con la propria fertilità. Più si aspetta, infatti, più le chance di rimanere incinta diminuiscono. Ecco perché gli esperti più famosi in questo campo hanno sottoscritto un appello, pubblicato sulla rivista scientifica The Lancet, in cui invitano tutte le donne, anche quelle sane, a congelare gli ovociti (cellule uovo mature) in giovane età.

Che cosa succede in caso di tumore

Il congelamento degli ovociti è una tecnica nata per salvaguardare la fertilità delle donne che devono sottoporsi a cure anti-tumorali. Infatti, la chemioterapia può alterare la funzionalità delle ovaie e, di conseguenza, arrestare lo sviluppo dei follicoli, le piccole strutture che contengono le cellule uovo nei vari stadi di maturazione. Ecco perché, prima dell’inizio della terapia, si consiglia alle pazienti di ricorrere a strategie conservative. Il trattamento più consolidato è il congelamento degli embrioni, che consiste nella conservazione di embrioni ottenuti attraverso metodiche di procreazione assistita a partire da ovociti e spermatozoi della coppia. In alternativa (per esempio nelle donne che non hanno ancora un partner stabile), si può procedere con il prelievo e il congelamento degli ovociti. Ultimamente si sta sperimentando con successo anche il congelamento di campioni del tessuto ovarico.

L’età è nemica della maternità

I massimi esperti mondiali di fertilità si sono resi conto che queste strategie salva maternità possono tornare utili anche nelle donne sane. Infatti, occorre considerare che sono sempre più numerose le coppie che decidono di posticipare la ricerca di un bebè. Le ragioni? Sono varie, dal desiderio di godersi il più a lungo possibile gli anni della gioventù alla difficoltà di trovare un lavoro stabile. Purtroppo, però, più si aspetta e più le probabilità di riuscire a concepire diminuiscono. Innanzitutto perché con il tempo le cellule riproduttive femminili diventano meno efficienti, la riserva ovarica diminuisce e l’utero diventa meno accogliente per l’embrione. Inoltre, più passano gli anni più aumenta l’esposizione dei due partner a fattori ambientali negativi, come gli inquinanti dell’aria, che riducono la fertilità. Infine, l’età altera anche la vitalità e qualità degli spermatozoi.

Un modo per fermare l’orologio biologico

Per queste ragioni, nel documento pubblicato su The Lancet si consiglia alle donne, ma anche ai medici e ai politici, di prendere in considerazione la possibilità di ricorrere alle tecniche di conservazione della maternità. “Le donne nei Paesi occidentali tendono a ritardare l’età del concepimento e vanno incontro a quella che a tutti è nota come infertilità dovuta all’età. Se anche le donne sane avessero accesso a queste tecniche di congelamento, potrebbero in questo modo preservare la loro fertilità, anche se decidono di spostare in avanti il momento della gravidanza” hanno spiegato. 

In breve

SPESSO SERVE LA STIMOLAZIONE ORMONALE

Per ottenere ovociti da sottoporre a congelamento o alla fecondazione assistita, spesso, si ricorre alla stimolazione ormonale. Essa consiste nell’assunzione di ormoni che stimolano la maturazione di più follicoli, per prelevare più ovociti contemporaneamente.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola il tuo ciclo mestruale

Calcola il periodo di ovulazione

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Pancione: quali traumi (urti, colpi, pressioni) possono danneggiare il bambino?

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Qualsiasi trauma addominale che provoca dolore deve essere sottoposto velocemente all'attenzione di un medico del pronto soccorso ostetrico.   »

Risvegli notturni dopo mesi di sonno tranquillo

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Può capitare che a nove mesi inizino i risvegli notturni: possono esserne corresponsabili l'ansia da separazione e la dentizione.   »

Bimbo “atopico”: quali accorgimenti per controllare l’eczema?

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

La detrmatite atopica è una malattia cronica che va trattata con i farmaci (in particolare, creme cortisoniche) e controllata mettendo in pratica alcune strategie relative allo stile di vita.  »

Feto con un ventricolo cerebrale lievemente più grande

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Carlo Efisio Marras

Se le dimensioni dei ventricoli cerebrali sono maggiori dell'atteso, ma non superiori ai quelle ritenute normali non si è autorizzati a pensare a una patologia.   »

Fai la tua domanda agli specialisti