Procreazione assistita e Servizio sanitario nazionale

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 03/07/2014 Aggiornato il 03/07/2014

Procreazione assistita: un appello al ministro della Salute chiede che i trattamenti siano a carico del Servizio sanitario nazionale

Procreazione assistita e Servizio sanitario nazionale

Dieci società scientifiche che operano nel campo della medicina della riproduzione hanno rivolto un appello al ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, affinché inserisca anche la Pma (procreazione medicalmente assistita) nei Lea, i livelli essenziali di assistenza, garantendo uguali condizioni di accesso alle province del sud Italia (dove i centri privati a pagamento sono la maggioranza) come al nord, e un numero di cicli di trattamento con oneri a carico del Servizio sanitario nazionale.

Le differenze tra Nord e Sud  

Secondo Andrea Borini, presidente della Sifes (Società italiana fertilità e sterilità e medicina della riproduzione) esiste una notevole discriminazione per le coppie che vogliono ricorrere alle tecniche di procreazione assistita in una città del sud. La media nazionale è, infatti, del 35,3% di trattamenti eseguiti nelle strutture private ma, analizzando il dato regione per regione, si scopre che in Lombardia la media è del 5 per cento, in Toscana del 4, nel Lazio dell’84,5 fino al 90 per cento in Sicilia e al 100 per cento in Calabria. Al Sud, dunque, chi accede a queste procedere deve pagarsele di tasca propria oppure andare nei centri pubblici di altre regioni.

Centri pubblici e privati

Un’altra notevole differenza tra nord e sud Italia riguarda i rimborsi. Anche nelle regioni dove la medicina della riproduzione si effettua in centri pubblici o privati convenzionati ci sono forti differenze nei Drg (l’importo riconosciuto dallo Stato alle aziende sanitarie per il trattamento di determinate patologie) e dunque nel rimborso riconosciuto ai centri in base alla loro ubicazione regionale. Se invece le tecniche di procreazione assistita entrassero nei Lea ci dovrebbe essere un’equiparazione dei rimborsi in tutte le regioni italiane.

Almeno un centro per regione

Per questo le società scientifiche chiedono al ministro che ogni regione abbia almeno un centro specializzato che offra il percorso terapeutico completo, con numeri proporzionati al bacino d’utenza, che giustifichino gli investimenti e i costi necessari per realizzare queste procedure. Ovviamente andranno valutati rigorosamente anche i risultati, così come le liste d’attesa e il diritto d’accesso. Fermo restando il diritto di ogni coppia di spostarsi, se preferisce farsi seguire altrove come molti ormai fanno per le cure nei centri d’eccellenza del nostro Paese. 

 

In breve

RICHIESTE IN COSTANTE AUMENTO

Nei Paesi occidentali più del 15% delle coppie che desiderano avere un figlio deve ricorrere alle cure dei medici specialisti; una percentuale che sembra in continua crescita. Nel 2012 in Italia sono state 72 mila le coppie che hanno fatto ricorso a tecniche di procreazione assistita.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola il tuo ciclo mestruale

Calcola il periodo di ovulazione

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Piccolissima che non gradisce il cambio del latte

17/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Migliori

Il sapore e la consistenza di un nuovo tipo di latte possono non essere accettati subito di buon grado dal neonato ed è per questo che è consigliabile che il cambiamento avvenga con gradualità, iniziando con una sola poppata.   »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Distacco: si deve stare a riposo assoluto?

11/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Stare a letto non solo non serve a cambiare in meglio il destino di una gravidanza ma può addirittura rivelarsi dannoso in quanto favorisce la formazione di trombi e peggiora notevolmente il tono dell'umore.   »

Fai la tua domanda agli specialisti