Malattie croniche intestinali: a rischio fertilità e gravidanza

Stefania Lupi A cura di Stefania Lupi Pubblicato il 16/01/2020 Aggiornato il 16/01/2020

Per le malattie croniche intestinali sono le donne a rischiare di più, con ripercussioni sulla fertilità a la gravidanza. In età matura, i problemi sono legati all’osteoporosi e al tumore della cervice uterina

Malattie croniche intestinali: a rischio fertilità e gravidanza

Le malattie croniche intestinali, conosciute come MICI,  malattie infiammatorie croniche intestinali (o IBD, Inflammatory Bowel Diseases), si distinguono in Malattia di Crohn e Colite Ulcerosa. Le donne, in particolare, sono colpite dalla malattia di Crohn, con ripercussioni su quasi ogni fase della vita, dalla prima mestruazione alla gravidanza, fino alla menopausa. Precisa Aurora Bortoli, Fondazione IBD Onlus (Piemonte): “dato il picco di incidenza delle IBD in età giovanile, molte donne sono in età riproduttiva e concepiscono dopo la diagnosi di malattia. La contraccezione, la fertilità e la gravidanza sono dunque un argomento da affrontare precocemente per fornire una risposta a dubbi e preoccupazioni per non peggiorare la qualità di vita”.

Fertilità in calo

Se la malattia è in remissione, nelle pazienti con colite ulcerosa la fertilità non è ridotta, mentre risulta lievemente in calo nelle pazienti affette da malattia di Crohn a causa dell’infiammazione a livello pelvico/tubarico. “In entrambi i casi – sottolinea Aurora Bortoli – la fertilità è compromessa nella fase attiva della malattia e dopo interventi chirurgici in sede addomino-pelvica, anche se negli ultimi anni l’utilizzo della laparoscopia ha ridotto notevolmente l’infertilità, migliorando la capacità riproduttiva. I farmaci assunti dalle donne per la malattia intestinale, invece, non incidono sulla fertilità. Nel caso di accertata infertilità le evidenze attuali non sono sufficienti per definire se le percentuali di successo della fecondazione in vitro nelle donne con IBD siano simili o ridotte rispetto alle percentuali di successo nella popolazione generale, sebbene le percentuali di successo sembrano essere inferiori nelle donne con malattia di Crohn, in particolare quelle sottoposte a trattamento chirurgico”.

In gravidanza quando la malattia è in remissione

E se una donna desidera avere un bambino, è importante iniziare una gravidanza quando la malattia è in regressione da almeno 6 mesi,. “Diversamente – evidenzia sempre Aurora Bortoli – aumenta il rischio di aborto spontaneo, parto pre-termine e basso peso alla nascita  del bambino. Nel periodo della gestazione, è consigliabile continuare il trattamento delle IBD per mantenere la malattia in remissione e, in caso di recidiva della malattia, esso deve essere variato o potenziato. L’assunzione della terapia non preclude l’allattamento del neonato per la maggior parte dei farmaci assunti, come afferma anche il documento di consenso dell’associazione canadese di gastroenterologia. Nel momento in cui si pianifica o inizia una gravidanza è importante rivalutare, da parte del gastroenterologo che ha in cura la paziente, il trattamento in corso per sospendere eventuali farmaci controindicati e impostare o confermare una adeguata terapia”.

Non è soltanto ereditaria

Nel caso dei figli nati da mamma affetta da una malattia infiammatoria intestinale, il rischio di trasmissione arriva fino al 10% , ma aumenta se ne soffrono entrambi i genitori. La genetica, però non è l’unico fattore coinvolto nella genesi delle IBD, ma esistono anche fattori di rischio ambientali. Per questo motivo, non è detto che una donna con una malattia infiammatoria cronica intestinale trasmetta la malattia ai figli.

Rischio osteoporosi e tumori femminili

Le donne affette da MICI, inoltre, sono maggiormente a rischio di osteoporosi rispetto alla popolazione generale. È quindi raccomandato limitare la assunzione di cortisonici, assumere una dieta ricca di calcio e vitamina D, svolgere un’attività fisica regolare, sospendere il fumo e limitare l’uso di bevande alcoliche. Infine, per quanto riguarda i tumori femminili, “I dati ad oggi non dimostrano un aumentato rischio di tumore della mammella e dell’ovaio nelle donne che soffrono di MICI – conclude Aurora Bortoli. – È stata invece dimostrata una maggior frequenza di tumori della cervice uterina, legati soprattutto ai farmaci utilizzati per trattare la malattia. Le donne in terapia con farmaci immunosoppressori per periodi prolungati sono più a rischio di persistenza e progressione dell’infezione da HPV (papilloma virus). Per questo motivo è raccomandato lo screening e nelle pazienti più giovani la vaccinazione anti HPV”.

 

 

 

DA SAPERE

I SINTOMI PER RICONOSCERLE

Diarrea e dolore nella parte destra dell’addome sono i sintomi iniziali più frequenti della Malattia di Chron mentre la colite ulcerosa si presenta quasi sempre con diarrea contenente sangue rosso vivo e muco, associata alla sensazione di incompleta evacuazione e talvolta ad anemia.

 

Fonti / Bibliografia
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Placenta bassa: si può fare qualcosa per farla risalire?

27/01/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Con il passare delle settimane e l'aumento di dimensione dell'utero la placenta tende a spostarsi verso il fondo dell'utero in modo spontaneo, senza che vi sia bisogno di fare nulla per favorire la sua "migrazione".   »

Bimbo di tre anni che colora fuori dai bordi

23/01/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

E' normale che a tre anni il bambino non riesca ancora a colorare una sagoma senza uscire dai bordi, quindi insistere affinché lo faccia rappresenta solo un'inutile forzatura.   »

L’uso del cellulare è nocivo in gravidanza?

13/01/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Aldo Messina

Durante la gestazione, è davvero poco probabile, anzi si può quasi escludere, che l'utilizzo del telefonino possa avere ripercussioni negative sul bambino.   »

Fai la tua domanda agli specialisti