Ovaio policistico: la melatonina può salvare la fertilità

Roberta Camisasca A cura di Roberta Camisasca Pubblicato il 20/03/2018 Aggiornato il 07/08/2018

Un integratore a base di melatonina potrebbe aiutare a combattere l’ovaio policistico, spesso causa di infertilità

Ovaio policistico: la melatonina può salvare la fertilità

Una terapia a base di melatonina, l’ormone del sonno, può essere efficace contro la sindrome dell’ ovaio policistico, molto comune tra le donne e associata spesso a infertilità. La scoperta è dell’Università Cattolica e della Fondazione Policlinico universitario A. Gemelli di Roma.

Un disturbo endocrino

La sindrome dell’ ovaio policistico è il più comune disordine endocrino-metabolico della donne in età fertile e colpisce in Italia tra il 5 e il 15% delle giovani in età riproduttiva. Gli effetti possono essere assenza o ridotta ovulazione, irregolarità del ciclo mestruale, iperandrogenismo, acne, problemi di salute e presenza di numerosi follicoli (più di 10) di diametro compreso tra 3 e 9 mm, disposti prevalentemente lungo la periferia dell’ovaio. Interessando l’ovulazione, la sindrome dell’ ovaio policistico è associata a un calo di fertilità o infertilità vera e propria.

Cause ancora sconosciute

Nonostante la precisa causa all’origine della sindrome dell’ ovaio policistico resti ignota, è stato recentemente ipotizzato che uno squilibrio tra l’eccessivo sviluppo di sostanze ossidanti e un limitato numero di difese antiossidanti dell’organismo possa determinare, mantenere o peggiorare le manifestazioni riproduttive e metaboliche osservate nelle donne con ovaio policistico.

Benefici con l’ormone del sonno

La melatonina, un ormone naturale prodotto nella ghiandola pineale che ha un ruolo importante nella regolazione dei ritmi circadiani sonno-veglia, oltre a possedere un’azione di facilitazione e induzione del sonno, ha anche una documentata attività antiossidante e per questo è stato ipotizzato un ruolo positivo nel combattere questa sindrome.

Risultati incoraggianti

Nello studio sono state coinvolte 40 donne con ovaio policistico, alle quali è stata somministrata melatonina ogni giorno per 6 mesi. Dopo il periodo di trattamento è risultata una riduzione significativa dei livelli di ormoni androgeni con regolarizzazione dei cicli mestruali, ripristino dell’ovulazione, riduzione di acne e irsutismo. La melatonina potrebbe proteggere i follicoli dallo stress ossidativo, inducendo anche una corretta maturazione dell’ovocita: si trova, infatti, a concentrazioni elevate nel fluido follicolare, segno che ha una funzione fisiologica in questa sede.

 

Da sapere!

La melatonina migliora i sintomi dell’ovaio policistico senza provocare gli effetti collaterali dei farmaci, ma la somministrazione deve essere comunque sempre valutata da uno specialista.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola il tuo ciclo mestruale

Calcola il periodo di ovulazione

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Coronavirus e bimbi in piscina: ci sono rischi?

13/07/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Matteo Bassetti

Una cosa è certa: il Sars-CoV-2 non nuota libero nell'acqua delle piscine, per cui i bambini possono fare i bagni in piena sicurezza.  »

Lieve perdita di sangue a inizio gravidanza

06/07/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La gravidanza è un processo in divenire: almeno nelle prime settimane non si dovrebbero trarre conclusioni su come si sta evolvendo, semplicemente in base a una piccola perdita di sangue.   »

Sovrappeso: è di ostacolo alla fertilità? Assolutamente sì

29/06/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Molti chili di troppo interferiscono sull'attività delle ovaie, a volte al punto da causare la formazione di ovociti difettosi, che non possono essere fecondati.   »

Fai la tua domanda agli specialisti