Ovaio policistico: scoperta la causa

Roberta Camisasca A cura di Roberta Camisasca Pubblicato il 09/07/2018 Aggiornato il 31/07/2018

La scoperta della causa dell’ovaio policistico potrebbe aiutare molte donne a realizzare il loro sogno di maternità. Allo studio una possibile terapia contro l’infertilità

Ovaio policistico: scoperta la causa

La causa più comune di infertilità femminile, la sindrome dell’ ovaio policistico, è provocata da uno squilibrio ormonale che inizia a manifestarsi anche prima della nascita. È quanto sostiene una ricerca dell’Istituto nazionale francese di salute e ricerca medica, che ha portato alla messa a punto di una nuova possibile terapia, che entro la fine dell’anno dovrebbe essere sperimentata sulle donne.

Prima della nascita

La sindrome dell’ ovaio policistico colpisce fino a una donna su 5 in tutto il mondo, tre quarti delle quali hanno problemi di infertilità. Sconosciuta la causa, almeno finora. Ora gli esperti hanno messo in evidenza che la sindrome può essere scatenata prima della nascita, per un eccesso di esposizione in utero a un ormone chiamato anti-mülleriano (Amh): i ricercatori si sono accorti che le donne che soffrono dello stesso problema, quando rimangono in gravidanza hanno il 30% in più di ormone rispetto al normale.

Lo studio in laboratorio

Nel corso della ricerca hanno iniettato un eccesso di ormone anti-mülleriano in topi gravidi. Crescendo, la progenie femminile mostrava molti dei segni distintivi della sindrome dell’ ovaio policistico: una quantità eccessiva di Amh sembra dunque innescare questo effetto, sovrastimolando una serie di cellule cerebrali che aumentano il livello di testosterone. Il team ha poi somministrato ai topi il cetrorelix, un farmaco che controlla il livello ormonale. Dopo il trattamento, i topi hanno smesso di mostrare i sintomi del disturbo. Ora, scoperta la causa dell’ ovaio policistico, si sta pianificando una sperimentazione clinica con il cetrorelix nelle donne con questo problema, per ripristinare l’ovulazione e aumentare il tasso di gravidanza.

Diminuisce con l’età

I risultati possono anche spiegare perché le donne con sindrome dell’ ovaio policistico sembrano rimanere più facilmente incinte tra i 30 e i 40 anni: infatti i livelli di ormone anti-mülleriano diminuiscono con l’età e ciò potrebbe riportare queste donne nel normale range di fertilità. La possibilità di gestire e anche correggere la sindrome dell’ ovaio policistico è dunque incoraggiante, concludono i ricercatori, perché molte delle donne che ne sono affette sono difficili da trattare anche attraverso le tecniche di fecondazione assistita.

 

Da sapere!

La sindrome dell’ ovaio policistico è caratterizzata da elevati livelli di testosterone, cisti ovariche, cicli mestruali irregolari e problemi di regolazione dello zucchero nel sangue.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimbo di tre anni con attacchi di rabbia: che fare?

04/12/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Pazienza, comprensione, disponibilità, affetto sono gli ingredienti che aiutano a contrastare le crisi di rabbia di un bimbo di tre anni. Ma comprendere la ragione di certe intemperanze è altrettanto importante.   »

HPV ad alto rischio oncogeno: come avviene il contagio?

03/12/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dott.ssa Elena Bozzola

La trasmissione del Papilloma virus responsabile del carcinoma della cervice avviene quasi esclusivamente per via sessuale.   »

Vaccinazione anti-rotavirus: la ricerca dice sì, senza alcun dubbio sì

27/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Gli ultimi studi compiuti in modo serio e rigoroso sulla vaccinazione antirotavirus hanno evidenziato che si tratta di uno strumento più che sicuro (e prezioso) per la salvaguardia della salute dei piccolini.  »

Fai la tua domanda agli specialisti