Pesi troppo o troppo poco? La gravidanza non arriva!

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 10/06/2013 Aggiornato il 10/06/2013

Se la gravidanza non arriva, la colpa può essere di obesità e sovrappeso. Ma anche, al contrario, di un peso troppo basso. Lo conferma un nuovo studio inglese

Pesi troppo o troppo poco? La gravidanza non arriva!

Quando la gravidanza non arriva, occorre salire sulla bilancia. Se si pesa troppo o troppo poco, infatti, la fertilità cala e si possono allungare i tempi per il concepimento. La gravidanza non arriva, o tarda ad arrivare, anche se si ricorre alle tecniche di stimolazione ormonale e se quello fuori forma è lui. Basta riacquistare il peso giusto, però, per vedere risalire le probabilità di rimanere incinta. Lo affermano gli scienziati inglesi, autori una ricerca appena pubblicata sul Journal of human reproductive sciences.

Difficoltà di concepimento

Tutto dipende dal grasso corporeo. Il tessuto adiposo, considerato  un vero e proprio organo, altera il rapporto tra gli ormoni, in particolare tra estrogeni e androgeni, rendendo così più facile che la gravidanza non arrivi.

Meno probabilità con la procreazione assistita

Le donne in sovrappeso o sottopeso, ha evidenziato lo studio, hanno anche più difficoltà a rimanere incinta con le tecniche di procreazione assistita, sempre per il problema di alterazione ormonale che il tessuto adiposo provoca. Richiedono in genere una stimolazione ovarica più massiccia e il rischio di aborto è più alto. Prima di sottoporsi a queste cure, quindi, è fondamentale cercare di recuperare il peso forma. Gli studi confermano che se si perdono i chili in più o si acquistano quelli mancanti, allora ritornano alte anche le possibilità di concepire e portare a termine la gravidanza.

A dieta anche lui

In questo c’è una certa parità. I chili in più possono ostacolare anche la fertilità maschile. Si è visto infatti che gli uomini obesi o in sovrappeso hanno gli spermatozoi più “lenti” e meno numerosi di chi ha un peso nella norma. 

In breve

CONTA ANCHE L’ALIMENTAZIONE

Nella fertilità femminile e maschile conta non solo quanto si pesa, ma anche che tipo di dieta si segue. Per la funzionalità dell’apparato riproduttivo occorre seguire un’alimentazione sana ed equilibrata, con una particolare attenzione alle vitamine A ed E per le donne e agli acidi grassi omega 3 per gli uomini.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola il tuo ciclo mestruale

Calcola il periodo di ovulazione

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Pap test in gravidanza: conviene farlo?

28/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Posto che è il ginecologo curante a dover decidere l'intervallo di tempo tra un pap test e l'altro, in base al risultato ottenuto l'ultima volta che è stato effettuato, in generale non occorre farlo in gravidanza, se sono passati meno di tre anni dall'ultimo.   »

Tampone positivo allo streptococco durante la gravidanza

23/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Ci sono delle indicazioni da seguire quando si risulta positive allo streptococco in prossimità del parto, prima tra tutte recarsi con urgenza in Pronto soccorso fin dalla prima comparsa delle contrazioni.   »

Tosse dei bambini: l’antibiotico serve o no?

14/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

La tosse secca, anche se più disturbante, non deve preoccupare e non richiede inevitabilmente l'antibiotico, che invece va somministrato quando la tosse è “grassa”, con tanto catarro, e si protrae per oltre quattro settimane senza alcun accenno di miglioramento.  »

Fai la tua domanda agli specialisti