Questi i cibi che aiutano la sessualità maschile

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 22/10/2013 Aggiornato il 22/10/2013

Mangiare bene non aiuta solo a vivere meglio e in salute. Secondo gli esperti migliora anche la sessualità maschile

Questi i cibi che aiutano la sessualità maschile

La dieta non è importante solo per la salute e l’aspetto fisico. È in grado anche di influenzare la sessualità maschile. Gli uomini che vogliono migliorare le proprie prestazioni, avere una vita intima soddisfacente anche in tarda età e aumentare la fertilità, dunque, devono fare attenzione a ciò che portano in tavola.

Meno spermatozoi

Secondo la Società europea di riproduzione umana ed embriologia negli ultimi 15 anni si è registrata una significativa riduzione del numero di spermatozoi, anche negli uomini più giovani, con età compresa fra i 18 e 25 anni. Una delle ragioni di questo declino è da ricercare proprio nell’alimentazione.

Attenzione ai pesticidi

Non selezionare con cura i cibi consumati quotidianamente significa rischiare di mangiare anche quelli ricchi di pesticidi. Si tratta di sostanze davvero dannose per la sessualità maschile: minacciano la potenza sessuale, la fertilità e le performance. Per proteggere la sessualità maschile, dunque, secondo gli esperti, è necessario seguire un’alimentazione più genuina. Via libera alla frutta e alla verdura, preferibilmente provenienti da aree vicine e, quindi, verosimilmente meno ricche di conservanti, elementi che possono diminuire la fertilità. Sì anche ai prodotti certificati e coltivati senza il ricorso di pesticidi e concimi chimici, fattori che ostacolano il concepimento.

Via libera alla dieta mediterranea

In linea generale, la dieta mediterranea si conferma la migliore anche per la sessualità maschile: sì quindi a frutta, ortaggi, pesce azzurro, cereali integrali, olio extravergine di oliva. Si tratta di alimenti ricchi di antiossidanti, sostanze che contrastano l’invecchiamento dei tessuti e degli organi.

 

In breve

PESO SOTTO CONTROLLO

Gli uomini che vogliono proteggere la propria sessualità devono fare attenzione anche al peso corporeo. Il sovrappeso e l’obesità, infatti, sono negativi anche per la virilità. 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola il tuo ciclo mestruale

Calcola il periodo di ovulazione

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Voglio un figlio (a 44 anni) ma ho paura che non sia sano: che fare?

27/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La scelta di avere un figlio in età avanzata è personalissima: nessuno specialista può dare consigli al riguardo, solo indicare i rischi a cui si potrebbe andare incontro, in modo da permettere di decidere con consapevolezza.  »

Quarto cesareo a 30 anni: sono proprio tanti i rischi?

26/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Un quarto cesareo espone la donna a vari rischi che è bene valutare attentamente anche con l'aiuto del ginecologo curante.  »

Paura di aver contratto la toxoplasmosi

28/06/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Per sapere se malauguratamente si è state contagiate dal Toxoplasma gondii si può fare il toxo test, a partire da 20 giorni dopo l'ingestione dell'alimento che si teme fosse contaminato.   »

Fai la tua domanda agli specialisti