Rischio di infertilità più alto per i ragazzi obesi

Metella Ronconi A cura di Metella Ronconi Pubblicato il 26/01/2018 Aggiornato il 10/08/2018

I chili di troppo fanno male alla salute in generale e nei ragazzi possono anche rappresentare un maggior rischio di infertilità. Ecco perché

Rischio di infertilità più alto per i ragazzi obesi

I chili di troppo minacciano le nuove generazioni: il peso in eccesso e quindi l’obesità non causano solo malattie cardiovascolari e diabete; possono anche essere un rischio di infertilità e impedire il concepimento.

Fertilità in drammatico calo

Gli esperti hanno messo in luce un aspetto nuovo, sicuramente non secondario soprattutto alla luce del drammatico calo di fertilità che sta investendo un po’ tutto il mondo occidentale: il legame tra obesità maschile e sterilità. Secondo Carlo Foresta, ordinario di Endocrinologia all’Università degli Studi di Padova, i ragazzi obesi sono a maggior  rischio di infertilità e ipogonadismo. È stato, infatti, individuato un meccanismo responsabile di queste manifestazioni cliniche: il tessuto adiposo è una trappola per il testosterone (ormone sessuale maschile).

Sempre più giovani obesi

Da uno screening effettuato su una popolazione di 2.019 giovani maschi tra i 18 e 20 anni, è stata confermata una prevalenza di obesità di circa il 17%. Se la tendenza osservata continuerà, nel 2022 ci saranno più  numerosi I bambini e adolescenti obesi di quelli moderatamente o severamente sottopeso.

Influenze sull’apparato riproduttivo

I ricercatori del team di Foresta hanno valutato gli effetti dell’obesità sullo sviluppo testicolare e sulle conseguenze generali collegate a una alterazione della produzione degli ormoni del testicolo. Le valutazioni cliniche di un’alterazione della funzione gonadica hanno dimostrato che in pratica questi ragazzi subiscono una sorta di trasformazione fisica: una significativa riduzione del volume testicolare nel 29% dei casi, contro un 15% dei coetanei normopeso; una riduzione della lunghezza del pene, di circa 8 mm inferiore rispetto ai normopeso; una riduzione di circa il 30% della concentrazione degli spermatozoi rispetto ai normopeso; un aumento in altezza di circa 2 cm rispetto ai normopeso.

Meno testosterone nel sangue

Attraverso studi in vitro su cellule adipose ottenute da soggetti magri e soggetti obesi, i ricercatori hanno dimostrato che nel tessuto adiposo dell’obeso “si accumulano concentrazioni molto elevate di testosterone, che vengono sottratte alla quota di testosterone circolante, determinando pertanto una caduta delle concentrazioni plasmatiche di questo ormone“. Inoltre, i ricercatori hanno individuato che nelle cellule adipose dei ragazzi extra large è presente un’aumentata espressione dell’enzima aromatasi che trasforma il testosterone in estrogeno (ormone sessuale femminile).

 

 

 
 
 

In breve

STRATEGIE SALVA-FERTILITA’

È ormai accertato che corretti stili di vita e sane abitudini alimentari sono importanti per la salute riproduttiva dei maschi. Per questo le strategie politico-sanitarie dovrebbero richiamare l’attenzione della popolazione sui rischi che l’obesità comporta, anche relativamente al rischio di infertilità.

 

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola il tuo ciclo mestruale

Calcola il periodo di ovulazione

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Come togliere il seno a un bimbo di 18 mesi (difficile da gestire)?

15/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Banale eppure risolutivo: per smettere di allattare, quando diventa un peso insostenibile, basta non offrire più il seno e passare alla tazza.   »

Bimba di due anni che al nido non mangia nulla

13/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Può capitare che un bambino si rifiuti di mangiare al nido. Ma è solo questione di tempo: a mano a mano che impara ad accettare di buon grado il distacco, perché comprende che la mamma torna sempre, tutto si risolve.   »

Quarto cesareo: ci saranno problemi?

13/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Un quarto cesareo è sempre un intervento difficile per i medici, perché è possibile che i precedenti abbiano lasciato aderenze tra i tessuti uterini e gli organi circostanti, ma questo non significa che non possa andare comunque tutto per il meglio.  »

Bimbo di 4 mesi con fossette nella piega interglutea: c’è da preoccuparsi?

12/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

E' davvero raro che una piccola anomalia in prossimità dell'ano che vari specialisti hanno considerao priva di significato dal punto di vista medico possa essere la spia di spina bifida.   »

Bimbo con dolore forte al lato sinistro dell’addome

05/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Annamaria Staiano

La causa più frequente di un dolore intenso nella parte alta e sinistra dell'addome è quella che i pediatri americani definiscono "stitichezza occulta".  »

Camera gestazionale piccola: c’è da preoccuparsi?

16/08/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se le dimensioni dell'embrione sono giuste per l'epoca, possono non essere significative quelle della camera gestazionale.  »

Fai la tua domanda agli specialisti