Rucola amica della fertilità maschile?

Roberta Camisasca A cura di Roberta Camisasca Pubblicato il 13/05/2019 Aggiornato il 13/05/2019

Uno studio internazionale, condotto anche in Italia, ipotizza un ruolo positivo della rucola nel favorire la fertilità maschile migliorando la qualità degli spermatozoi

Rucola amica della fertilità maschile?

La rucola protegge le cellule spermatiche dagli additivi chimici di alimenti e bevande, dando un aiuto alla fertilità maschile. La scoperta arriva da uno studio dell’Università di Padova e dell’Università di Jendouba (Tunisia) sul bisfenolo-A (BPA), un additivo chimico di origine sintetica che migliora le caratteristiche meccaniche dei materiali impiegati per le bottigliette di plastica, le capsule da caffè e i rivestimenti per alimenti.

Combatte i radicali liberi

Il BPA influenza negativamente le funzioni cellulari, facendo incrementare la produzione di radicali liberi. Quindi la presenza di BPA nel cibo può compromettere la vitalità degli spermatozoi e rallentare la loro motilità, ostacolando la fertilità maschile. La ricerca ha dimostrato che la rucola contiene quantità molto elevate di antiossidanti capaci di inattivare i radicali liberi. Le analisi sugli spermatozoi inoltre hanno dimostrato che la rucola può contrastare gli effetti tossici del BPA sulle cellule spermatiche, proprio attraverso l’azione antiossidante. Secondo gli studiosi, l’estratto può rappresentare un presidio nutraceutico per il trattamento dell’infertilità maschile o nella preparazione degli spermatozoi durante le tecniche di procreazione medicalmente assistita.

Una verdura afrodisiaca

Della rucola si sapeva già che, secondo credenze antiche, avesse virtù afrodisiache. Non a caso era dedicata a Priapo, dio mitologico simbolo di virilità e fertilità maschile. Appartiene alla famiglia delle Brassicaceae, la stessa di cavoli, cavolfiore e broccoli. Ha effetto diuretico e antiulcera, noto fin dai tempi dei Romani, svolge azione antiossidante, grazie ai glucosinolati e ai suoi polifenoli, ha la capacità di migliorare la motilità dello stomaco e facilitarne lo svuotamento, grazie all’abbondante presenza di ossido nitrico. Effettua azione antitrombotica, evidenziata da recenti studi che hanno mostrato come la rucola possa inibire l’aggregazione piastrinica in caso di infiammazioni, e possiede infine la capacità di potenziare le proprietà antiossidanti di alcuni lattobacilli e di migliorare il microbioma intestinale.

Va bene in qualsiasi forma

Si può gustare cruda, in insalata, oppure usarla per prepararla gustosi pesti a base di ricotta o condimenti con pomodorini. Per quanto riguarda gli integratori per la fertilità maschile, gli autori stanno ancora definendo percentuali e dosi necessarie a espletare la funzione desiderata.

PER APPROFONDIRE IL TEMA INFERTILITÀ CLICCA QUI

 
 
 

Da sapere

Molti studi hanno dimostrato che l’esposizione ad agenti chimici come il bisfenolo-A incide sulla dimensione, la motilità e il numero degli spermatozoi.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola il tuo ciclo mestruale

Calcola il periodo di ovulazione

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Comportamenti (in)soliti durante il sonno: perché?

10/05/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Annalisa Pistuddi

Durante il sonno possono verificarsi episodi di regressione che nascono dalla necessità di scaricare tensioni emotive accumulate nelle ore di veglia. E' poco opportuno invadere questo spazio intimo cercando di indurre bruscamente il risveglio.  »

Esami oculistici a inizio gravidanza: ci sono rischi?

10/05/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Antonio Clavenna

Valutare l'opportunità di effettuare determinate indagini oculistiche nelle prime settimane di gravidanza spetta allo specialista a cui ci si affida.   »

Embrione che non si vede alla quinta settimana

16/04/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Anna Maria Marconi

Fare un'ecografia troppo presto (prima della settima settimana) non serve a nulla e, in più, è causa di grandi spaventi che ci si potrebbe risparmiare se solo si avesse un po' di pazienza.  »

Fai la tua domanda agli specialisti