Sindrome da ovaio policistico: efficaci i trattamenti con letrozolo

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 25/08/2014 Aggiornato il 25/08/2014

Buona notizia per le donne che soffrono di sindrome da ovaio policistico: il farmaco letrozolo risulta molto efficace nella lotta all’infertilità

Sindrome da ovaio policistico: efficaci i trattamenti con letrozolo

La sindrome dell’ovaio policistico è un problema che affligge un gran numero di donne e che porta grande sconforto poiché correlato all’infertilità femminile. La scienza ha però compiuto molteplici progressi in termini farmacologici, l’ultima scoperta è l’efficacia del farmaco letrozolo nel combattere la sindrome dell’ovaio policistico e i suoi effetti negativi sull’ovulazione.

Che cosa comporta

Uno studio del Penn State College of Medicine, pubblicato sul New England Journal of Medicine, ha preso in considerazione la discreta incidenza di sindrome dell’ovaio policistico (Pcos), patologia che affligge fino al 10% di donne in età fertile. La Pcos porta alla produzione di alti livelli di androgeni (ormoni maschili), a un ciclo mestruale irregolare e alla formazione di numerose e piccole cisti sulle ovaie che, inevitabilmente, condizionano la fertilità.

Farmaci a confronto

Finora, per curare la sindrome dell’ovaio policistico, è sempre stato utilizzato un farmaco chiamato clomifene citrato, stimolante dell’ovulazione. Ma tale medicinale ha una percentuale di successo (figli nati vivi) piuttosto esigua, che si attesta attorno al 22%. Inoltre, il trattamento con clomifene citrato (necessari ben 6 cicli) porta spesso a gravidanze multiple e ha numerosi effetti collaterali che vanno a intaccare il benessere della donna, come vampate di calore e potenti sbalzi di umore. Il letrozolo, invece, agisce direttamente sugli ormoni e presenta più possibilità di successo a fronte di un minor numero di effetti collaterali

Testato su 750 donne

La ricerca per testare l’efficacia del letrozolo è stata condotta su un campione di 750 donne di età compresa tra i 18 e i 40 anni, affette da sindrome dell’ovaio policistico e da infertilità, desiderose di concepire un figlio. Suddivise in due gruppi, la prima tranche di donne è stata trattata con clomifene mentre il secondo gruppo ha assunto il letrozolo. La percentuale di successo riferita al letrozolo è stata del 27,5%, mentre i nati vivi dalle donne del primo gruppo sono stati il 19,1%. Inoltre, con il letrozolo si è riscontrato un più alto tasso di ovulazione insieme a un numero esiguo di effetti collaterali.

In breve

NUOVE SPERANZE PER TANTE DONNE

Recenti studi hanno dimostrato come il farmaco letrozolo risulta molto efficace nel trattamento della sindrome dell’ovaio policistico, aumentando la fertilità delle donne afflitte da Pcos.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Bimba di due anni e mezzo che graffia (e parla poco)
22/08/2019 Gli Specialisti Rispondono

Ogni bambino raggiunge le varie tappe evolutive secondo tempi personalissimi, quindi non tutti i bambini raggiungono i traguardi alla stessa età.  »

Ho usato un coltello sporco: rischio la toxoplasmosi?
19/08/2019 Gli Specialisti Rispondono

Se non si è immune alla toxoplasmosi, durante la gravidanza è sempre meglio non usare lo stesso coltello sia per sbucciare la frutta non lavata sia per affettarla.   »

Fibroma e gravidanza
05/08/2019 Gli Specialisti Rispondono

Ci sono fibromi che per collocazione e dimensione non interferiscono sulla possibilità di iniziare e portare a termine una gravidanza,  »

Fai la tua domanda agli specialisti