Il test della fertilità maschile si fa con lo smartphone

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 19/05/2017 Aggiornato il 19/05/2017

Un innovativo test fai da te arriva sui dispositivi mobili per misurare la fertilità maschile

Il test della fertilità maschile si fa con lo smartphone

La Harvard Medical School di concerto con il Massachusetts General Hospital di Boston ha presentato sulla rivista Science Translational Medicine un innovativo dispositivo che permetterà di fare il test del liquido seminale comodamente a casa. Il tutto tramite il proprio smartphone. Una rilevazione sullo sperma tanto veloce quanto precisa, in grado di rilevare problemi di fertilità maschile, evitando agli uomini imbarazzanti visite in ospedale.

Un problema sempre più diffuso

L’infertilità riguarda ben il 15% delle coppie e, in un buon 50% dei casi, i problemi sono legati all’uomo. Le cause possono essere numerose e derivare dalle circostanze più varie. Il controllo del livello di fertilità dello sperma rappresenta sicuramente uno dei primi passi da compiere per comprendere da dove derivi questa impossibilità ad avere un figlio e, nel caso, un’eventuale impotenza maschile.

Risposta immediata

L’apparecchio per la valutazione della fertilità maschile è portatile e, quindi, poco ingombrante. Andrà ad analizzare concentrazione e motilità degli spermatozoi, il tutto in pochi secondi servendosi dello smartphone e della lente fotografica dello stesso. Il procedimento è molto semplice. Dopo aver raccolto in un apposito contenitore un campione di liquido seminale, basterà collegare il dispositivo al cellulare e attendere i pochi secondi che separano dal risultato.

Economico e sicuro

Il dispositivo per il test dell’infertilità avrà un costo di poco inferiore ai 5 dollari ed è stato testato dagli studiosi su 350 campioni con risultati più che soddisfacenti. Per accertare la facilità di utilizzo sono stati coinvolti dieci volontari che, senza alcuna istruzioni, sono riusciti a completare la procedura semplicemente leggendo le istruzioni e i risultati dell’analisi di un centinaio di campioni. Sicuramente siamo di fronte a uno strumento diagnostico molto utile che, visto anche l’irrisorio costo, potrà aiutare le coppie a comprendere meglio le ragioni all’origine delle difficoltà di concepimento.

 

 

 
 
 

Da sapere!

 

Anche uno stile di vita corretto può aiutare la fertilità. No, quindi, al fumo e all’attività fisica esagerata. Sì a una dieta sana e bilanciata.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola il tuo ciclo mestruale

Calcola il periodo di ovulazione

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Gambe sollevate in gravidanza: possono aver danneggiato il bambino?

08/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Durante la gravidanza, quando preoccupazioni che oggettivamente non hanno ragione di sussistere non danno tregua, mantenendo la futura mamma in uno stato ansioso costante, può senz'altro essere opportuno ricorrere all'aiuto di uno psicoterapeuta. Le continue paure ingiustificate possono, infatti, essere...  »

Tosse violenta che non passa in una bimba di 4 anni: qual è la causa?

02/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Anche se di rado, una tosse secca, insistente, che nulla calma può essere dovuta al tappo di cerume: per escludere questa possibilità basta che il pediatra ispezioni accuratamente i condotti uditivi del bambino.  »

Collo dell’utero raccorciato in 25^ settimana: è possibile che torni a posto?

01/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In effetti la cervice può recuperare qualche millimetro, in assenza di contrazioni uterine, quindi non è detto che una minaccia di parto prematuro comporti con certezza la nascita del bambino molte settimane prima rispetto alla data prevista.  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti