Varicocele: si cura da giovani

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 04/08/2016 Aggiornato il 04/08/2016

Il varicocele compare spesso nei ragazzi senza dare sintomi particolare; passando inosservato, però, può nel tempo causare infertilità. Importante la diagnosi precoce

Varicocele: si cura da giovani

Mesi di inutile attesa e speranze di una gravidanza che non arriva per poi scoprire che la causa potrebbe risiedere nel varicocele.

Impedisce agli spermatozoi di fecondare

Il varicocele consiste nella dilatazione delle vene dello scroto che rendono difficoltosa l’ossigenazione del sangue venoso che raggiunge i testicoli.  Ciò impedisce la formazione di spermatozoi in grado di fecondare e causare, dunque, infertilità. Questo problema può presentarsi già da giovanissimi. Possono essere affetti, infatti, da varicocele i ragazzi 15 e i 25 anni, raramente prima e dopo questa fascia d’età.

A rischio la pubertà

“Il varicocele compare più spesso nel periodo della pubertà – spiega Roberta Gunelli, vice presidente dell’Associazione urologi italiani -, quando tutto l’organismo e i genitali si sviluppano velocemente, con un aumento di flusso sanguigno a livello testicolare che può mettere in evidenza l’eventuale debolezza della struttura delle vene spermatiche, che finiscono per dilatarsi troppo”.

Spesso non dà sintomi

Raramente il varicocele provoca un senso di pesantezza a livello dello scroto, magari dopo una giornata trascorsa in piedi o dopo un’intensa attività sportiva. Molto spesso, invece, i ragazzi non provano dolore al testicolo e solo nei casi più gravi possono essere notate le vene ingrossate. “Proprio per questa scarsa presenza di sintomi è importante la sensibilizzazione dei potenziali pazienti per arrivare a diagnosi tempestive” dichiara Gunelli, sull’importanza di prevenire l’infertilità. “Molti, infatti, si rendono conto del varicocele solo quando cercano di concepire un figlio e non ci riescono. Per questo è urgente informare i giovani, e le loro famiglie, con campagne di sensibilizzazione in grado di far capire l’importanza della diagnosi precoce”.

La temperatura influisce sull’infertilità maschile

La formazione di spermatozoi è influenzata anche da leggere variazioni di temperatura. Nel caso di varicocele, in particolare, la temperatura aumenta, creando alterazioni nella funzionalità, nel numero e nella consistenza degli spermatozoi e rendendo lo sperma non adatto alla fecondazione. Il problema di infertilità, in alcuni casi, potrebbe essere risolto con un intervento chirurgico. Diversamente, l’alternativa, se si cerca un figlio, è rappresentata dalla fecondazione assistita.

 

 

 

 

 
 
 

lo sapevi che?

Di varicocele soffrono circa 200mila adolescenti italiani tra gli 11 e i 17 anni.

 

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola il tuo ciclo mestruale

Calcola il periodo di ovulazione

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Perché il bimbo in utero non si vede ancora?

23/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se l'ovulazione avviene più tardi rispetto all'ipotesi può accadere che l'embrione non sia visibile ecograficamente nell'epoca della gravidanza in cui generalmente lo è già.   »

SOS crisi di pianto inconsolabile

23/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Una volta appurato che il lattante piange per via delle "coliche dei tre mesi", non resta che attendere pazientemente che le crisi a poco a poco diminuiscano fino a sparire. Nella ceretzza che le sue urla disperate sono espressione di forza e di salute.   »

Peso: quale aumento a quattro mesi di vita?

19/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

L'aumento di peso ha un andamento influenzato da alcune variabili, tuttavia intorno al quinto mese di vita dovrebbe essere doppio rispetto a quello presentato alla nascita.   »

Fai la tua domanda agli specialisti