Maschio o femmina? Dipende dal papà

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 23/01/2012 Aggiornato il 23/01/2012

Il sesso del feto si determina durante il concepimento, con la fecondazione dell’ovulo da parte dello spermatozoo

Maschio o femmina? Dipende dal papà

Il sesso del feto si determina al momento del concepimento, quando avviene la fecondazione dell’ovulo femminile da parte dello spermatozoo maschile. A “decidere” se sarà concepito un maschietto o una femminuccia è il papà, in quanto è il tipo di cromosoma dello spermatozoo a determinare il sesso del feto. Sia la cellula sessuale femminile sia quella maschile sono dotate, infatti, di 23 cromosomi che, unendosi, formano il Dna (cioè il patrimonio genetico) del bimbo e ne stabiliscono non solo i caratteri (come altezza, forma del viso, colore degli occhi), ma anche il sesso. Molto discussa è invece la questione relativa al fatto se si possa influenzare o meno il sesso del feto attraverso una dieta particolare.

Se il cromosoma è X o Y

Il sesso del feto, in particolare, è determinato dallo spermatozoo che può essere portatore sia del cromosoma X (sesso femminile) sia di quello Y (sesso maschile), mentre la cellula uovo possiede solo il cromosoma X. E dunque, nascerà una femmina se l’ovulo viene fecondato da uno spermatozoo portatore del cromosoma X (perché si determina la coppia XX), mentre nascerà un maschietto se l’ovulo viene fecondato da uno spermatozoo Y (in quanto si determina la coppia XY).

Che cosa avviene nelle prime settimane di gravidanza

Nelle fasi iniziali di formazione del bambino allo stato di embrione non sono riconoscibili differenze tra i due sessi. Solo alla 7ª settimana l’embrione si inizia a sviluppare in senso femminile e continua questo tipo di sviluppo se possiede cromosomi sessuali XX. Quando invece un embrione ha cromosomi sessuali XY, dopo la 10ª settimana, si comincia a differenziare il testicolo. A questo punto, il testicolo inizia a produrre due sostanze, un ormone detto testosterone e una proteina detta Mif. Il testosterone induce la crescita di strutture da cui deriveranno i genitali interni maschili e la mascolinizzazione dei genitali esterni. Il Mif causa invece la regressione delle strutture che si sarebbero dovute differenziare in senso femminile, i dotti di Muller. Questo processo in senso maschile è guidato dall’informazione data da un gene localizzato sul cromosoma Y (e non presente sul cromosoma X), chiamato SRY. Nelle femmine, in assenza del cromosoma Y, la gonade primitiva si trasforma in ovaio, e i dotti di Muller, che in questo caso non regrediscono come nei maschi, si sviluppano in genitali interni femminili, così come anche i genitali esterni assumono una conformazione femminile. La differenziazione degli apparati genitali maschile e femminile si completa intorno alla 12ª settimana di gravidanza. A partire da questo momento, attraverso l’esecuzione di esami specifici come la villocentesi, l’amniocentesi e l’ecografia sarà possibile sapere se nascerà un maschietto o una femminuccia.

In breve

Il sesso del feto dipende dallo spermatozoo

Solo alla 7ª settimana l’embrione si inizia a sviluppare in senso femminile. Intorno alla 12ª settimana di gravidanza, invece, si completa la differenziazione degli apparati genitali maschile e femminile. Da questo momento, attraverso la villocentesi (che può essere anticipata anche alla 9 °settimana), l’amniocentesi e l’ecografia sarà possibile sapere se nascerà un maschietto o una femminuccia.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola il tuo ciclo mestruale

Calcola il periodo di ovulazione

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Sertralina in gravidanza contro ansia e attacchi di panico: ci sono rischi?

17/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Durante la gravidanza, se necessario si possono assumere psicofarmaci della categoria degli SSRI (inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina) senza esporre il bambino a rischi. Ben peggio sarebbe non impiegarli quando ve ne è bisogno.   »

Bimbo di sette mesi con un “buchetto” sopra il sederino: è preoccupante?

16/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

La presenza di una fossetta sacro-coccigea a fondo cieco, se non è associata ad altri segnali che possano far pensare a un problema della colonna vertebrale, non è significativa.   »

Preoccupata per l’assenza di sintomi “di gravidanza”

19/04/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Non è così automatico che la gravidanza, una volta iniziata, determini la comparsa di sintomi specifici, quindi l'assenza dei disturbi "tradizionali" (nausea, tensione al seno e così via) non deve essere interpretata come un segnale per forza negativo.  »

Fai la tua domanda agli specialisti