Pillola anticoncezionale e antibiotici non vanno d’accordo

Silvia Finazzi A cura di Silvia Finazzi Pubblicato il 02/11/2020 Aggiornato il 02/11/2020

Le cure antibiotiche possono ridurre l’efficacia della pillola anticoncezionale. Ora è arrivata la conferma scientifica

Pillola anticoncezionale e antibiotici non vanno d’accordo

Era da tempo che si sospettava che l’utilizzo degli antibiotici potesse interferire in qualche modo con l’efficacia della pillola anticoncezionale. Solo ora, però, è arrivata la conferma ufficiale: a chiarire finalmente il dubbio è un ampio studio condotto da un gruppo di ricercatori britannici, dell’University of Birmingham, pubblicato su BMJ Evidence Based Medicine.

Uno studio molto ampio

Gli autori hanno utilizzato i dati raccolti dalle “yellow cards”, ossia un sistema di allerta in cui vengono raccolte tutte le segnalazioni sui sospetti effetti collaterali causati dai farmaci cui possono accedere tutti i medici inglesi. Complessivamente, gli esperti hanno esaminato 74.623 segnalazioni relative agli antibiotici  e 65.578 “cartellini gialli” riferiti ad altri tipi di farmaci. Quindi, hanno calcolato la percentuale di gravidanze indesiderate sia nelle donne, che prendevano la pillola anticoncezionale e che avevano seguito un ciclo di terapia antibiotica, sia nelle donne che, oltre alla contraccezione orale, avevano fatto ricorso anche ad altri farmaci.

Gli antibiotici non sono “innocui”

Gli esperti, incrociando tutti i dati, hanno scoperto che nella casistica considerata, le gravidanze indesiderate erano maggiori nelle donne che, oltre a prendere la pillola anticoncezionale, avevano assunto anche antibiotici. Nel dettaglio, in questo gruppo si sono avute 62 gravidanze non volute ogni 100.000 donne. Nel gruppo di donne che usavano altri farmaci insieme alla pillola, la frequenza era di 9 casi su 100.000 individui.

Meglio essere prudenti

Gli esperti hanno concluso che gli antibiotici possono ridurre l’efficacia della pillola anticoncezionale. Per questo, è importante che le donne che scelgono questo tipo di contraccettivo e devono sottoporsi a una cura antibiotica adottino altre precauzioni durante il periodo di trattamento.

 

 

 
 
 

Da sapere!

La pillola anticoncezionale è uno dei contraccettivi più usati. Ma non è l’unico e non sempre il più adatto. Per esempio, in chi ha rapporti occasionali, la protezione migliore è rappresentata dal preservativo, che difende anche dalle malattie a trasmissione sessuale.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola il tuo ciclo mestruale

Calcola il periodo di ovulazione

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Perché il bimbo in utero non si vede ancora?

23/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se l'ovulazione avviene più tardi rispetto all'ipotesi può accadere che l'embrione non sia visibile ecograficamente nell'epoca della gravidanza in cui generalmente lo è già.   »

SOS crisi di pianto inconsolabile

23/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Una volta appurato che il lattante piange per via delle "coliche dei tre mesi", non resta che attendere pazientemente che le crisi a poco a poco diminuiscano fino a sparire. Nella ceretzza che le sue urla disperate sono espressione di forza e di salute.   »

Peso: quale aumento a quattro mesi di vita?

19/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

L'aumento di peso ha un andamento influenzato da alcune variabili, tuttavia intorno al quinto mese di vita dovrebbe essere doppio rispetto a quello presentato alla nascita.   »

Fai la tua domanda agli specialisti