Aborti spontanei ricorrenti: tutte le cause

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 05/07/2016 Aggiornato il 05/07/2016

Disturbi ginecologici, endocrini, tiroidei le cause più comuni degli aborti spontanei. Ma gli ostacoli alla maternità possono essere anche altri: sovrappeso, stress, celiachia

Aborti spontanei ricorrenti: tutte le cause

Quali sono le cause degli aborti spontanei ricorrenti? Le stime dicono che circa il 15% delle gravidanze si conclude con un aborto spontaneo. Se l’aborto è precoce, ovvero avviene prima della decima settimana, può essere difficile risalire ai motivi. 

All’origine della poliabortività

Si parla di aborto ricorrente (o poliabortività) quando si verificano 3 o più aborti consecutivi entro le 20-24 settimane di gestazione. Secondo le stime, è una condizione che interessa circa l’1-2% delle donne. Può essere riconducibile a malformazioni anatomiche congenite o acquisite, disfunzioni tiroidee (ipo e ipertiroidismo, tiroidite di Hashimoto), insufficienza luteinica (ridotta produzione di progesterone) o sindrome dell’ovaio policistico.

Ovaio policistico e celiachia

Quest’ultimo è un disturbo caratterizzato dalla presenza di ovaie ingrandite e micropolicistiche: in sua presenza, circa 4 gravidanze su 10 si concludono con un aborto spontaneo. Anche la celiachia, se non diagnosticata e trattata, può causare aborti ripetuti: si calcola che le donne celiache non riconosciute hanno un rischio 10 volte più alto, rispetto alle altre future mamme, di non portare a termine la gravidanza.

Stress ed età materna

Ma è il fattore età la prima vera causa di aborto ricorrente spontaneo, perché dopo i 30 anni aumentano le patologie cromosomiche che possono causare un’interruzione spontanea di gravidanza. E lo stress? A questo proposito, per capire quali sono le cause degli aborti spontanei ricorrenti, uno studio inglese condotto su 864 donne in gravidanza ha dimostrato che elevati livelli di cortisolo ostacolano la sintesi del progesterone. Lo stress “blocca” l’ovulazione e può interferire con l’impianto dell’embrione.

Che cosa si può fare

Una volta comprese quali sono le cause degli aborti spontanei ricorrenti, è possibile prevenirli? In parte sì. Gli esperti raccomandano di non ritardare troppo il momento di pianificare la gravidanza, allentare i ritmi quotidiani e tenere lontano lo stress quando si cerca di concepire, curare l’alimentazione, soprattutto in caso di sindrome dell’ovaio policistico (si associa spesso a resistenza insulinica, che interferisce con la fertilità), tenere sotto controllo il peso (il sovrappeso ha diverse responsabilità). Fondamentale anche appurare, con opportuni esami, se si soffre di una patologia tiroidea. 

 

 

 
 
 

In breve

SOTTOPORSI A ESAMI SPECIFICI

In caso di aborti ripetuti è consigliabile rivolgersi subito agli specialisti in medicina della riproduzione per risalire alle cause e capire come intervenire.

 

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola il tuo ciclo mestruale

Calcola il periodo di ovulazione

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dolori mestruali spariti da quando è iniziata la ricerca di una gravidanza

29/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una spiegazione strettamente scientifica alla scomparsa della dismenorrea nel momento in cui si hanno rapporti sessuali non protetti non esiste, tuttavia il fatto stesso che a volte accada rende l'eventualità possibile.   »

Sono incinta e non sono immune alla rosolia: è pericoloso fare il vaccino a mio figlio?

28/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dott.ssa Elena Bozzola

Nessuno studio ha mai evidenziato che un bimbo subito dopo essere stato vaccinato contro la rosolia possa trasmetterla. Di conseguenza, anche in gravidanza non si rischia nulla se si hanno contatti con un bambino appena vaccinato.  »

Continue infezioni delle vie urinarie: che fare?

27/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Nel caso in cui si vada incontro a numerose infezioni delle vie urinarie diventa necessario rivolgersi a uno specialista in urologia o uro-ginecologia per farsi indicare il percorso terapeutico più efficace e, quindi, risolutivo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti