Dieta per il concepimento: i cibi sì e quelli no

Roberta Camisasca A cura di Roberta Camisasca Pubblicato il 21/03/2019 Aggiornato il 25/03/2019

Una coppia su 5 soffre di infertilità. Per facilitare il lavoro della cicogna è importante anche portare a tavola i cibi giusti

Dieta per il concepimento: i cibi sì e quelli no

Anche la dieta può aiutare ad avere un bebè. Ma tutti sanno quali sono i cibi consigliati e quelli da evitare per avere maggiori possibilità di concepimento?  Una ricerca della Harvard School of Public Health ha scoperto un calo dei problemi di infertilità del 66% nelle donne alla ricerca di un figlio che seguivano una dieta sana. Ecco gli alimenti da privilegiare e quelli da ridurre o da evitare del tutto.

Semaforo verde

Nella dieta per il concepimento può rientrare sicuramente il salmone. Importanti sono anche le noci e i semi, gli spinaci, frutta e verdura, cereali integrali. Per gli uomini, da assumere a volontà frutti di bosco, agrumi, pesce, pollo e cereali integrali.  L’assunzione di antiossidanti – come ciliegie, cioccolato fondente, carote e tè verde – combatte lo stress ossidativo determinato da colesterolo, diabete, fumo, che può danneggiare il processo di spermatogenesi, la produzione di spermatozoi.

Semaforo giallo

Alcuni dubbi riguardano la carne rossa: i ricercatori dicono che se è stata esposta ad alti livelli di contaminazione ambientale, potrebbe essere rischiosa, ma occorre fare altre ricerche. Nessuna controindicazione per un paio di caffè al giorno, ma le donne che ne consumano più di 5, secondo uno studio danese della Fertility Clinic di Aarhus, avrebbero il 50% di probabilità in meno di ottenere il successo con la fertilizzazione in vitro.

Semaforo rosso

Nella dieta per il concepimento, sia gli uomini sia le donne dovrebbero cercare di limitare l’apporto di grassi, che si trovano in alimenti lavorati come torte, biscotti e margarine e aumentano il rischio di sovrappeso: nell’uomo i chili di troppo riducono il numero e la motilità degli spermatozoi e aumentano il danno al Dna dei gameti. Nella donna si hanno importanti modifiche a livello follicolare, con alterazione dei livelli di ormoni chiave che possono influenzare negativamente l’ovulazione.
 

 

 
 
 

Da sapere!

Ai fini del concepimento sono neutri prodotti come il latte e la soia, che non aiutano né ostacolano la fertilità. 

 

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola il tuo ciclo mestruale

Calcola il periodo di ovulazione

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimbo nato prematuro con broncodisplasia severa: quando potrà fare a meno dell’ossigeno?

19/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Migliori

Non è quasi mai possibile prevedere quando un piccolissimo con un severo problema all'apparato respiratorio potrà rinunciare al supporto dell'ossigeno.   »

Sertralina in gravidanza: meglio diminuire la dose giornaliera?

14/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In genere il dosaggio medio indicato per la sertralina è tra i 50 e i 150 mg al giorno: se si sta già assumendo una quantità minima rispetto alla posologia può non essere opportuno ridurre ulteriormente la dose, specialmente di propria iniziativa.   »

Si può concepire di nuovo prima del capoparto?

12/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

La prima ovulazione dopo il parto può verificarsi quando ancora non si sono ripresentate le mestruazioni e questo vale anche se si allatta, quindi è possibile avviare una gravidanza prima che si manifesti il capoparto.   »

Fai la tua domanda agli specialisti