Esami preconcezionali: tutti quelli consigliati alla donna

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 20/01/2012 Aggiornato il 20/01/2012

Gli esami che la futura mamma può fare prima della gravidanza per scoprire problemi che potrebbero interferire con il concepimento e la gestazione

Esami preconcezionali: tutti quelli consigliati alla donna

Gli esami preconcezionali sono quelli da fare prima di decidere di avere un bambino. Hanno lo scopo di evidenziare eventuali malattie che possano compromettere la gestazione o il benessere del feto. Spesso si tratta, infatti, di disturbi curabili prima del concepimento. Hanno anche un’importante funzione preventiva. Nel momento in cui si scopre che la donna non è immune da una malattia (per esempio, la toxoplasmosi o la rosolia, vengono suggerite misure di comportamento o eventuali vaccinazioni affinché non la contragga durante i nove mesi.

Gli esami preconcezionali permettono, inoltre, di rivelare se uno dei partner è portatore di particolari malattie ereditarie, come, per esempio, l’anemia mediterranea o altre malattie del sangue. Per questo alcuni sono consigliati solo alla donna, altri alla coppia

,

altri solo all’uomo.

Sono gratuiti

In Italia, per legge le visite specialistiche e gli esami di laboratorio essenziali da effettuarsi nel periodo preconcezionale sono gratuiti se effettuati nei modi e nei tempi richiesti dallo stesso decreto.

La visita

ginecologica

Un’accurata visita ginecologica permette di verificare la normalità dell’apparato genitale femminile. Serve a evidenziare eventuali malformazioni anatomiche, sia vaginali sia dell’utero, così come la presenza di eventuali infezioni sessuali o di altri disturbi che, se non risolti in tempo, potrebbero pregiudicare l’insorgere o l’andamento della gravidanza.

L’esame del sangue completo

L’emocromo è un esame del sangue dalle molte funzioni. Permette di individuare anomalie dei globuli rossi, come le anemie, e eventuali emoglobinopatie, cioè malattie del sangue come l’anemia mediterranea e la talassemia. Una volta evidenziata un’anomalia, l’emocromo permette al medico di richiedere esami specifici per i determinati disturbi.

Il Pap test

Questo esame consiste in un prelievo di cellule dal collo (la parte inferiore) dell’utero. È un esame assolutamente indolore, ma fondamentale per la prevenzione di tumori del collo dell’utero. Viene eseguito normalmente ogni due anni, a partire dal primo rapporto sessuale.

Il Rubeotest

Serve per ricercare gli anticorpi del virus della rosolia (Rubeotest), una malattia che, se contratta nei primi quattro mesi di gestazione, può condurre ad altissime probabilità di malattie serie del feto. Dopo la vaccinazione contro la rosolia, inoltre, conviene aspettare almeno sei mesi prima di cercare una gravidanza.

Il Toxotest

È utile per la ricerca degli anticorpi della toxoplasmosi, una malattia normalmente innocua ma che, se contratta in gravidanza, può portare ad anomalie fetali. Questo test deve essere ripetuto ogni mese nelle future mamme non immuni. La donna non immune deve seguire, nel corso della gravidanza, alcune accortezze igienico-alimentari, come per esempio, non mangiare carne cruda e salumi, lavare accuratamente la frutta e la verdura ed evitare il contatto con gli escrementi degli animali domestici (soprattutto di gatti).

In breve

Esami gratuiti previsti dalla legge

In Italia, per legge, le visite specialistiche e gli esami di laboratorio essenziali da eseguirei nel periodo preconcezionale sono gratuiti se effettuati nei modi e nei tempi richiesti dallo stesso decreto. Si tratta degli esami del sangue, del pap test, del rubeotest e del toxotest.
 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola il tuo ciclo mestruale

Calcola il periodo di ovulazione

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Positiva allo streptococco a qualche settimana dal parto

19/04/2021 Bambino di Dottoressa Elisa Valmori

Nel caso in cui il tampone rivelasse una positività allo streptococco, al momento del parto viene effettuata una profilassi antibiotica per evitare che il bambino venga contagiato dal batterio durante il passaggio all'esterno.  »

Embrione che non si vede alla quinta settimana

16/04/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Anna Maria Marconi

Fare un'ecografia troppo presto (prima della settima settimana) non serve a nulla e, in più, è causa di grandi spaventi che ci si potrebbe risparmiare se solo si avesse un po' di pazienza.  »

Smettere di allattare e sensi di colpa

27/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Le mamme sono specializzate in sensi di colpa, ma forse riuscirebbero a nutrirne di meno se solo acquisissero la consapevolezza che la tristezza e l'ansia che ne derivano non fanno bene alla serenità del bambino.   »

Fai la tua domanda agli specialisti