Fertile anche dopo la menopausa?

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 13/09/2016 Aggiornato il 13/09/2016

Una miscela di proteine pare consentire alla donna di tornare a essere fertile anche dopo la menopausa. Di che cosa si tratta

Fertile anche dopo la menopausa?

La menopausa si può interrompere: anche dopo l’ingresso in questa fase della vita, la donna potrebbe dunque avere di nuovo il ciclo mestruale e tornare a essere fertile. Oggi, per le donne che arrivano alla maternità, o per quelle che vanno incontro a menopausa precoce, cioè prima dei 40 anni, la fecondazione assistita è l’unica possibilità. Il nuovo studio potrebbe rimettere in discussione i limiti dell’orologio biologico.

Un concentrato di proteine

È stata messa a punto una tecnica innovativa che sembra in grado di invertire la menopausa e “ringiovanire” le ovaie, portandole a produrre di nuovo ovuli fertili. La scoperta si deve a Konstantinos Sfakianoudis, ginecologo della clinica per la fertilità Genesis Athens, in Grecia. Per invertire la menopausa, i ricercatori sono ricorsi a un trattamento che viene utilizzato in altri settori della medicina rigenerativa. L’innovativa tecnica prevede l’utilizzo di iniezioni di plasma ricco di proteine (Prp), un concentrato di sostanze del sangue in grado di aiutare la crescita delle cellule. Era già noto da tempo che il Prp fosse in grado di stimolare la rigenerazione dei tessuti. Ora i ricercatori affermano che è in grado di rigenerare anche le ovaie, facendo in qualche modo ripartire il processo di maturazione degli ovociti.

Una buona percentuale di successo

La ricerca è stata condotta su un gruppo di donne che, dopo il trattamento, hanno visto la ricomparsa del ciclo mestruale. Questa miscela sembra avere funzionato nel 70% dei casi: la maggior parte di una trentina di donne in menopausa, tra i 46 e i 49 anni, tutte in cerca di un figlio, dopo avere ricevuto il trattamento avrebbero ricominciato ad avere l’ovulazione e le mestruazioni. Gli ovociti sarebbero stati prelevati e fecondati, e gli embrioni congelati in attesa dell’impianto, che secondo Sfakianoudis potrebbe avvenire nei prossimi mesi. Il trattamento potrebbe in teoria fornire anche un’alternativa alle terapie ormonali sostitutive, alleviando i cambiamenti fisici che la fine della fertilità comporta.

 

 

 

 
 
 

In breve

PIU’ RISCHI CON L’ETA’

Non tutti hanno accolto la notizia positivamente: secondo alcuni medici una donna in età avanzata correrà certamente più rischi di una giovane nel portare avanti una gravidanza, tra i quali, per esempio, il rischio di aborto spontaneo e di diabete gestazionale.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola il tuo ciclo mestruale

Calcola il periodo di ovulazione

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Pancione: quali traumi (urti, colpi, pressioni) possono danneggiare il bambino?

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Qualsiasi trauma addominale che provoca dolore deve essere sottoposto velocemente all'attenzione di un medico del pronto soccorso ostetrico.   »

Risvegli notturni dopo mesi di sonno tranquillo

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Può capitare che a nove mesi inizino i risvegli notturni: possono esserne corresponsabili l'ansia da separazione e la dentizione.   »

Bimbo “atopico”: quali accorgimenti per controllare l’eczema?

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

La detrmatite atopica è una malattia cronica che va trattata con i farmaci (in particolare, creme cortisoniche) e controllata mettendo in pratica alcune strategie relative allo stile di vita.  »

Feto con un ventricolo cerebrale lievemente più grande

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Carlo Efisio Marras

Se le dimensioni dei ventricoli cerebrali sono maggiori dell'atteso, ma non superiori ai quelle ritenute normali non si è autorizzati a pensare a una patologia.   »

Fai la tua domanda agli specialisti