Fertilità femminile: conta anche la riserva ovarica?

Silvia Finazzi A cura di Silvia Finazzi Pubblicato il 22/11/2022 Aggiornato il 22/11/2022

La fertilità femminile è strettamente correlata alla riserva ovarica, ossia alla quantità e alla qualità degli ovociti. Cosa significa e perché è importante se si vuole avere un bambino

riserva ovarica e concepimento: il legame

La fertilità femminile non è illimitata ed eterna. Presto o tardi diminuisce e si esaurisce, per tutte le donne. Oltre che all’età, è legata anche alla riserva ovarica, ossia alla quantità e alla qualità degli ovociti, le cellule riproduttive femminili: ecco perché può accadere che anche donne giovani non riescano ad avere bambini.
Se il potenziale funzionale dell’ovaio viene compromesso per una qualsiasi ragione, il risultato può essere proprio una difficoltà a rimanere incinte. A confermarne il ruolo fondamentale è uno studio condotto da un team di ricercatori italiani, dell’Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia, e pubblicato sulla rivista Human Reproduction.

Che cos’è la riserva ovarica?

Con questo termine si intende il potenziale riproduttivo di una donna. Si tratta, infatti, del patrimonio di follicoli presente nelle ovaie della donna in un determinato momento della sua vita. I follicoli sono le piccole sacche all’interno delle quali sono contenute le cellule uovo nei vari stadi di maturazione. In genere, in ogni ciclo mestruale solo un uovo raggiunge la maturità: nel periodo di ovulazione  (circa a metà ciclo) il follicolo “scoppia” e la cellula matura, detta ovocita, viene espulsa dalle ovaie.

Come capire se si ha una bassa riserva ovarica?

Ogni donna nasce con un certo numero di follicoli e di cellule uovo e non ne può produrre di nuovi ovociti: la riserva presente alla nascita, infatti, non può aumentare, ma solo diminuire, mese dopo mese. Più l’età della donna aumenta, dunque, più questa diminuisce. Non solo: con il passare del tempo, le cellule riproduttive femminili invecchiano e diventano meno efficienti, interferendo negativamente sulla fertilità. Per conoscere la riserva ovarica si possono effettuare alcuni test, come il dosaggio dei livelli di ormone follicolo-stimolante.

Quanta riserva ovarica ha una donna?

Come visto, la riserva ovarica è strettamente personale e dipende dall’età della donna. Come confermato dal nuovo studio, essa influenza in modo diretto la fertilità. La ricerca ha coinvolto 847 coppie. Tutte avevano difficoltà di concepimento per cui sono state sottoposte sia a diagnosi genetica preimpianto sia a procreazione assistita.

Dall’analisi dei dati attraverso l’intelligenza artificiale, gli autori hanno scoperto che questo fattore è una variabile molto importante per il successo riproduttivo. Non solo: hanno anche visto che essa è molto personale, per cui ci sono donne giovani ma con una bassa riserva ovarica e donne meno giovani ma con un più alto numero di ovociti residui. Per esempio, si è visto che una donna di 30 con una riserva ovarica ancora buona ha il 50% di probabilità di ottenere un embrione euploide (con un numero corretto di cromosomi), mentre in una donna di 30 anni con una riserva ovarica bassa questa percentuale si dimezza. In una donna di 40 anni queste chance sono del 30% se la riserva ovarica è alta e del 18% se la riserva è scarsa.  

“Questa tecnica ci ha insegnato che l’età della donna penalizza la sua capacità riproduttiva, in quanto il numero di embrioni cromosomicamente adeguati che la stessa può produrre si riduce enormemente” ha spiegato il primo firmatario dello studio Antonio La Marca. “Per cui, all’età di 30 anni circa il 50% degli embrioni risulta essere euploide, mentre all’età di 40 anni lo è solo il 15%”.

 

 
 
 

In sintesi

Cosa prendere per aumentare il numero di ovociti?

Con i trattamenti di stimolazione ovarica si può aumentare il numero di ovociti, ma con risposte diverse da donna a donna.

Come rimanere incinta con una bassa riserva ovarica?

Nelle donne con bassa riserva ovarica potrebbero essere necessari cicli di fecondazione assistita.

 

Fonti / Bibliografia

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola il tuo ciclo mestruale

Calcola il periodo di ovulazione

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Gravidanza e vaccino contro difterite-tetano-pertosse: il richiamo va fatto ogni volta?

06/12/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Il richiamo del vaccino trivalente DTP è raccomandato a ogni nuova gravidanza per garantire al nascituro un "bagaglio immunitario" in grado di proteggerlo da difterite, tetano, pertosse fino a quando non verrà sottoposto lui stesso alla vaccinazione.  »

Sono davvero a rischio di diabete gestazionale?

01/12/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Quando si inizia la gravidanza in una condizione di obesità e, in più, si aumenta di peso rapidamente già a partire dal primo trimestre il rischio di sviluppare il temibile diabete gestazionale diventa alto, soprattutto se l'esame della curva da carico di glucosio evidenzia un'iperproduzione di insulina....  »

Donna Rh negativo: anche dopo un aborto si sviluppano anticorpi contro il sangue Rh positivo?

30/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Esiste un esame che permette di appurare se la donna ha sviluppato anticorpi contro il fattore Rh positivo: si chiama Test di Coombs indiretto e si esegue come un normale prelievo di sangue.  »

Pap test in gravidanza: conviene farlo?

28/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Posto che è il ginecologo curante a dover decidere l'intervallo di tempo tra un pap test e l'altro, in base al risultato ottenuto l'ultima volta che è stato effettuato, in generale non occorre farlo in gravidanza, se sono passati meno di tre anni dall'ultimo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti