Fertilità: no fumo, alcol e caffè

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 15/06/2016 Aggiornato il 15/06/2016

Se si cerca un figlio, per avere maggiori possibilità di successo, bisogna avere uno stile di vita salutare: ecco che cosa evitare per favorire la fertilità

Fertilità: no fumo, alcol e caffè

Avete intenzione di avere un bambino? Per avere una chance in più bisogna mangiare sano ed eliminare i vizi. Niente fumo e poco alcol e caffè. Per avere un figlio prima possibile non ci sono ricette o pozioni magiche e, quindi see dopo ripetuti tentativi mirati il bimbo non arriva, servono esami specifici per testare la propria fertilità. Qualche accorgimento, in una situazione “normale”, però, può dare qualche possibilità in più alla coppia che vuole concepire.

Stop al fumo

Meglio fare uno sforzo nel cercare di ridurre o ancora meglio eliminare il fumo. I fumatori maschi hanno il doppio della probabilità di essere impotenti e avere un minor numero di spermatozoi. Le donne che fumano, di contro, hanno una fertilità inferiore del 30% rispetto alle non fumatrici. Il fumo, tra l’altro, anticipa di quattro anni l’ingresso in menopausa.

Alcol con moderazione

Chi cerca un figlio dovrebbe ridurre il consumo di bevande alcoliche. Troppo alcol influisce negativamente sia sull’ovulazione sia sulla produzione di sperma.

Più caffè = meno concepimento

Una tazza di caffè al giorno potrebbe ridurre, addirittura dimezzare le possibilità di concepimento. La caffeina, secondo gli esperti, riduce l’attività dei muscoli delle tube di Falloppio, che portano gli ovuli dalle ovaie all’utero. Se proprio non potete rinunciare al caffè, optate per quello decaffeinato!

Mantenere il peso forma

Se avete qualche chilo in più per prima cosa dovete dimagrire! Il grasso corporeo produce estrogeni, che turbano il bilanciamento ormonale che regola le mestruazioni. Le donne con grasso in eccesso hanno cicli meno regolari rispetto a quelle normopeso. Di contro, essere eccessivamente sottopeso può causare problemi di concepimento, causando l’amenorrea secondaria (mancanza del ciclo). La mancanza di massa grassa che fisiologicamente serve per sostenere la gravidanza, infatti, può impedire l’ovulazione.

Malattie sessuali

Attenzione anche alle malattie sessualmente trasmesse. Contrarre infezioni di tipo sessuale può portare nelle donne a una chiusura delle tube o a tube che funzionano male e negli uomini a problemi nelle vie seminali fino a occluderle.

 

 

 
 
 

lo sapevi che?

L’età del concepimento è molto importante. Meglio cercare di fare figli prima dei 30 anni. Le chance di successo sono maggiori.

 

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola il tuo ciclo mestruale

Calcola il periodo di ovulazione

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Tutti figli maschi: casualità o genetica?

24/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Paolo Gasparini

Ogni fecondazione costituisce una storia a sé e ogni volta si hanno le stesse probabilità di concepire un maschio o una bambina. È, dunque, sempre il caso a "tirare i dadi".  »

Concepimento: dopo due mesi non si è ancora verificato, c’è da preoccuparsi?

16/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Non fa bene alla fertilità di coppia farsi prendere dall'ansia del risultato immediatamente dopo aver deciso di avere un figlio. Non è, infatti, automatico che la gravidanza inizi quando viene decisa, ma questo non è affatto preoccupante.  »

Distacco amniocoriale che non si riassorbe con il passare delle settimane

14/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In presenza di un distacco amniocoriale che non si risolve non serve intensificare i controlli, mentre sono utili il riposo e un'alimentazione che favorisca l'attività dell'intestino, perché la stipsi può favorire la comparsa prematura di contrazioni uterine.   »

Fai la tua domanda agli specialisti