Fumo, alcol, dieta: come prepararsi se si cerca un bambino

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 20/01/2012 Aggiornato il 20/01/2012

Quando si cerca di restare incinte, si devono seguire regole di vita più sane. I consigli in fatto di fumo, alcol e peso corporeo

Fumo, alcol, dieta: come prepararsi se si cerca un bambino

Per affrontare al meglio la gravidanza e per garantire il benessere del bimbo, vanno seguite da subito, ancora prima di restare incinte, alcune regole di vita sane.

Gli effetti del fumo

Il fumo fa male. È stato ampiamente dimostrato come le sigarette siano tra i principali responsabili di aborti spontanei e parti prematuri. Il fumo, poi, oltre a essere nocivo per la salute della donna, rallenta la crescita del piccolo nell’utero e quindi lo sviluppo del neonato (che rischia di avere un basso peso alla nascita). Per questo, il fumo andrebbe evitato del tutto.

Le conseguenze dell’alcol

L’alcol viene assorbito rapidamente, passa nel sangue della donna, e, da qui, in quello del piccolo attraverso la placenta. Se assunto in grandi quantità, l’alcol espone il nascituro a contrarre la “sindrome alcolica”, responsabile di alcune malformazioni sia fisiche sia psicologiche. Quindi, per non correre rischi, è bene che il consumo di alcol in gravidanza venga fortemente limitato o, meglio ancora, evitato del tutto.

Meglio partire dal peso forma ideale

Prima di cercare un bambino, è bene controllare la propria “linea”, così da arrivare alla gravidanza con un peso normale, cioè proporzionato rispetto all’altezza. Ritrovarsi prima della gestazione in sovrappeso, quando non addirittura ai limiti dell’obesità, infatti, potrebbe affaticare eccessivamente, nei nove mesi, l’organismo della donna, già costretto a un superlavoro. Oltre al fatto che restare incinte è decisamente più difficile  quando i chili in più sono tanti.

È fondamentale allora programmare da subito uno stile dietetico sano, vario ed equilibrato (con più porzioni al giorno di frutta e verdura, e la riduzione di caffeina, condimenti e grassi di originale animale). In questo modo non sarà difficile per la donna “scendere” al peso corporeo ideale e, nello stesso tempo, garantire al bambino che si formerà nel pancione l’apporto di tutti gli elementi nutritivi necessari fin dalle prime settimane di gestazione. 

In breve

Uno stile di vita sano per prepararsi alla gravidanza

Fumo e alcol andrebbero aboliti se si cerca di rimanere incinta. Per quanto riguarda i chili di troppo, invece, bisognerebbe recuperare il peso forma ideale. Una vita sana è indispensabile se si vuole affrontare al meglio la gravidanza.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola il tuo ciclo mestruale

Calcola il periodo di ovulazione

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Tutti figli maschi: casualità o genetica?

24/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Paolo Gasparini

Ogni fecondazione costituisce una storia a sé e ogni volta si hanno le stesse probabilità di concepire un maschio o una bambina. È, dunque, sempre il caso a "tirare i dadi".  »

Concepimento: dopo due mesi non si è ancora verificato, c’è da preoccuparsi?

16/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Non fa bene alla fertilità di coppia farsi prendere dall'ansia del risultato immediatamente dopo aver deciso di avere un figlio. Non è, infatti, automatico che la gravidanza inizi quando viene decisa, ma questo non è affatto preoccupante.  »

Distacco amniocoriale che non si riassorbe con il passare delle settimane

14/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In presenza di un distacco amniocoriale che non si risolve non serve intensificare i controlli, mentre sono utili il riposo e un'alimentazione che favorisca l'attività dell'intestino, perché la stipsi può favorire la comparsa prematura di contrazioni uterine.   »

Fai la tua domanda agli specialisti