Gravidanza spontanea dopo fecondazione assistita

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 20/09/2016 Aggiornato il 20/09/2016

Una coppia su tre riuscirebbe ad avere una gravidanza spontanea dopo il fallimento dell’inseminazione artificiale. Poche risposte dalla scienza

Gravidanza spontanea dopo fecondazione assistita

Spesso avere un bambino è più complicato del previsto e anche le coppie giovani possono avere difficoltà a concepire, ricorrendo perciò sempre più spesso alla fecondazione assistita. È risultato, però, che ben una coppia su tre riesce ad avere una gravidanza spontanea dopo il fallimento dell’inseminazione artificiale. E non si capisce il perché.

Il 30% dopo 6 anni

Un gruppo di scienziati del Greenwich Nhs Trust, dell’Imperial College e del Kings College di Londra, ha cercato di dare una risposta a questo fenomeno, dopo avere seguito 403 coppie che si erano sottoposte a svariati tentativi di Pma (Procreazione medicalmente assistita). La ricerca, pubblicata sulla rivista Human Reproduction, ha rilevato che la procreazione assistita aveva fallito nel 96% delle coppie, ma ben il 30% del campione era riuscito ad avere un figlio nei 6 anni successivi ai cicli di terapie per l’infertilità. È risultato però difficile dare una spiegazione a questi dati. Forse, dicono gli scienziati, la fecondazione in vitro è scelta anche da coppie che non hanno gravi problemi di infertilità e quindi riescono in seguito ad avere una gravidanza spontanea.

Critiche allo studio

In ogni caso, lo studio fa riaccende le speranze per le coppie che desiderano avere un figlio: l’87% dei concepimenti è avvenuto nei due anni successivi alla Pma e un quarto delle donne che già aveva avuto un figlio con la fecondazione assistita ne ha avuto un altro spontaneamente. Tuttavia, come osserva Andrea Borini, presidente della Società italiana di fertilità e sterilità e medicina della riproduzione (Sifes-Mr), bisogna osservare criticamente i dati poiché “il campione, fra l’altro esiguo, è formato soprattutto da coppie in cui il problema di infertilità era inspiegato o legato soprattutto a mancata ovulazione, mentre nelle situazioni in cui esiste un severo fattore maschile di sterilità o una grave endometriosi, la gravidanza spontanea non è assolutamente così comune”.

 

 

 
 
 

In breve

ESISTONO VARI STEP

In caso di mancato concepimento, è importante che le coppie consultino un esperto che possa indirizzare verso il percorso più adeguato. Non tutte le coppie, infatti, hanno necessariamente bisogno della fecondazione assistita, ma possono procedere per gradi.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola il tuo ciclo mestruale

Calcola il periodo di ovulazione

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Gravidanza e vaccino contro difterite-tetano-pertosse: il richiamo va fatto ogni volta?

06/12/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Il richiamo del vaccino trivalente DTP è raccomandato a ogni nuova gravidanza per garantire al nascituro un "bagaglio immunitario" in grado di proteggerlo da difterite, tetano, pertosse fino a quando non verrà sottoposto lui stesso alla vaccinazione.  »

Sono davvero a rischio di diabete gestazionale?

01/12/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Quando si inizia la gravidanza in una condizione di obesità e, in più, si aumenta di peso rapidamente già a partire dal primo trimestre il rischio di sviluppare il temibile diabete gestazionale diventa alto, soprattutto se l'esame della curva da carico di glucosio evidenzia un'iperproduzione di insulina....  »

Donna Rh negativo: anche dopo un aborto si sviluppano anticorpi contro il sangue Rh positivo?

30/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Esiste un esame che permette di appurare se la donna ha sviluppato anticorpi contro il fattore Rh positivo: si chiama Test di Coombs indiretto e si esegue come un normale prelievo di sangue.  »

Pap test in gravidanza: conviene farlo?

28/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Posto che è il ginecologo curante a dover decidere l'intervallo di tempo tra un pap test e l'altro, in base al risultato ottenuto l'ultima volta che è stato effettuato, in generale non occorre farlo in gravidanza, se sono passati meno di tre anni dall'ultimo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti