In aumento il consumo di integratori per la fertilità

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 05/02/2014 Aggiornato il 05/02/2014

In Italia è vero e proprio boom di integratori antiossidanti per migliorare la fertilità e la sessualità

In aumento il consumo di integratori per la fertilità

Sono sempre più numerosi gli italiani che decidono di ricorrere a integratori antiossidanti. Con quale obiettivo? Migliorare la fertilità e la sessualità. In realtà, però, spesso questi prodotti non servono a granché… Lo rivela Aldo Franco De Rose, presidente dell’Associazione andrologi italiani e specialista della clinica urologica di Genova.

Il ruolo dei radicali liberi

Gli antiossidanti sono sostanze in grado di tamponare gli effetti negativi dei radicali liberi, le molecole responsabili dell’invecchiamento precoce dei tessuti. Ma non solo. I radicali giocano un ruolo molto importante anche nella fertilità. Occorre sapere, infatti, che la funzione riproduttiva è strettamente collegata all’equilibrio fra la produzione e la degradazione dei radicali liberi. Se questo equilibrio viene meno (in questo caso si parla di stress ossidativo), può subentrare sterilità.

Solo in casi selezionati…

Gli integratori a base di antiossidanti possono, dunque, essere utili in chiave fertilità solo in casi selezionati. Ossia, solo quando la sintesi e la distruzione dei radicali liberi non sono più in equilibrio.  Le cause di questo situazione possono essere diverse: dagli agenti fisici, come le radiazioni, ai fattori chimici (inquinanti, farmaci, xenobiotici) e biologici (virus, batteri o tossine). Sotto accusa anche le cattive abitudini di vita, per esempio una dieta scorretta e la sedentarietà. Infatti, possono influire negativamente sulla vitalità e il numero delle cellule riproduttrici, sulla fecondazione, sullo sviluppo embrio-fetale e sulla gravidanza.

… e non a sproposito

Gli esperti consigliano di non usare gli integratori contenenti antiossidanti a sproposito. Prima, è bene eseguire un bilancio ossidativo su sangue attraverso test affidabili. “Nel caso di una documentata condizione biochimica di stress ossidativo, accanto a misure generali basate sul miglioramento dello stile di vita, si può prendere in considerazione l’assunzione da parte di uno o entrambi i partner di integratori allo scopo di modulare favorevolmente i meccanismi ossido-riduttivi compromessi, in uno o più eventi della sequenza che dalla gametogenesi portano alla gravidanza” ha affermato Aldo Franco De Rose.

 

In breve

NO A FUMO E ALCOL

Per contrastare la produzione di radicali liberi e, dunque, avere una fertilità migliore è bene evitare il fumo, il consumo eccessivo di alcol, l’alimentazione sregolata, lo stress e la sedentarietà.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola il tuo ciclo mestruale

Calcola il periodo di ovulazione

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Placenta bassa in 16^ settimana: si può prendere l’aereo?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una sospetta inserzione bassa della placenta va confermata con l’ecografia transvaginale a partire dalla 20^ settimana, quindi circa un mese prima di questa data è prematuro diagnosticarla: proprio per questo un viaggio in aereo si può affrontare senza rischi.   »

Dopo tre cesarei si può partorire naturalmente?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Al travaglio di prova dopo un parto cesareo, noto con l'acronimo TOLAC dall'inglese trial of labour after cesarean, possono essere ammesse solo le mamme che abbiano già affrontato l'intervento solo una, massimo due volte.   »

Manovre effettuate durante l’ecografia: possono causare danno al feto?

04/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giovanni Battista Nardelli

Nessuna delle manovre manuali esterne effettuate dal medico per poter svolgere l'ecografia nel migliore dei modi può esporre il feto a rischi.   »

Bimbo di 4 anni con una tosse che non passa nonostante l’antibiotico

02/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

È un'eventualità frequente che i bambini della scuola materna passino più tempo a tossire che il contrario. Posto questo, l’antibiotico andrebbe usato quanto la tosse con catarro persiste per più di un mese senza tendenza alla remissione.  »

Fai la tua domanda agli specialisti