Fertilità: perché donne e uomini dovrebbero limitarsi nel bere alcolici?

Roberta Raviolo A cura di Roberta Raviolo Pubblicato il 14/12/2022 Aggiornato il 14/12/2022

Sarebbe importante ridurre l’assunzione di vino, birra e altri alcolici, soprattutto se si desidera un figlio. Infatti, l’alcol riduce la fertilità

L'alcol danneggiala fertilità in entrambi i sessi

Gli effetti negativi di alcolici e superalcolici di tutti i tipi sono ben noti alla comunità scientifica. L’alcol fa male al cuore, all’apparato digerente, espone a pericolose forme di dipendenza. Le persone che desiderano avere un bambino, in particolare, dovrebbero limitare il più possibile o meglio ancora eliminare gli alcolici. Infatti, l’alcol riduce la fertilità perché danneggia l’attività degli organi riproduttivi sia nell’uomo sia nella donna.

In che modo l’alcol danneggia la fertilità?

L’alcol riduce la fertilità perché svolge un effetto tossico sugli organi riproduttivi. Infatti, altera il meccanismo ormonale che è alla base della maturazione degli ovociti e della produzione di spermatozoi sani e vitali. Nell’uomo, forti dosi di alcol causano alterazioni nell’attività di alcune cellule che hanno la funzione di produrre gli spermatozoi e di farli arrivare a maturazione. Inoltre, provoca disfunzione erettile() e riduce il testosterone in circolo. Gli esperti aggiungono che l’abitudine di bere alcolici in quantità fa spesso parte di uno stile di vita poco sano, che comprende fumo, sedentarietà e alimentazione scorretta. Tutto questo provoca danni alla salute e alla fertilità maschile.

Cosa fa l’alcol alle donne?

Nel sesso femminile, l’alcol è dannoso in misura maggiore perché l’organismo della donna, per il diverso assetto ormonale, ha meno capacità di metabolizzare questa sostanza rispetto all’uomo. L’alcol, quindi, resta in circolo nel sangue più a lungo e ha più tempo per svolgere un effetto nocivo. L’alcol riduce la fertilità perché altera la produzione delle gonadotropine, l’ormone follicolo-stimolante o Fsh e l’ormone luteinizzante o Lh. Queste sostanze hanno la funzione di favorire la secrezione di estrogeni e progesterone, gli ormoni che regolano il ciclo mestruale e la fertilità stessa. Se il livello di gonadotropine è inadeguato, l’ovulazione può non avvenire e questo riduce le possibilità di restare incinta.

Ci sono rischi anche per la fecondazione assistita?

L’alcol ha un effetto negativo sia per la fertilità maschile sia per quella femminile. Di conseguenza diminuiscono anche le possibilità che un percorso di procreazione medicalmente assistita  si concluda con una gravidanza. Inoltre, l’abitudine a bere alcolici aumenta il rischio che si verifichi una interruzione spontanea  di gravidanza, anche dopo un percorso di fecondazione assistita. È quindi essenziale, per entrambi i sessi in età fertile, ma soprattutto per lei  moderare l’assunzione di alcolici e in generale rivedere in meglio le proprie abitudini di vita.

 

 

 

 
 
 

In sintesi

Cosa succede se non sai di essere incinta e bevi?

Una donna che ha consapevolezza del proprio corpo dovrebbe avere un buon rapporto con il ginecologo e capire se un rapporto può dare origine a una gravidanza. Inoltre, al primo ritardo esiste la possibilità di verificare la gravidanza anche a casa. Sarebbe consigliabile però, se una donna progetta di avere un bambino, ridurre il più possibile da subito l’assunzione di alcol.

Quanto alcol può bere una donna?

Secondo studi recenti, la dose da non superare per la donna, per evitare di avere problemi di fertilità, è di 20 grammi di alcol al giorno, pari per esempio a un bicchiere di vino. I rischio ci sono soprattutto se l’assunzione avviene tutti i giorni.

 

Fonti / Bibliografia

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola il tuo ciclo mestruale

Calcola il periodo di ovulazione

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Contrazioni precoci: può accadere anche nella seconda gravidanza?

27/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Bisogna mettere in conto che l'accorciamento della cervice, determinato dalla comparsa, molto prima del tempo, di contrazioni uterine, è un'eventualità che può ripresentarsi a ogni successiva gravidanza.   »

Perché si parla di polipo “sospetto”?

17/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Attraverso l'ecografia si può solo "sospettare" la presenza di un polipo all'interno dell'utero, ma per avere la certezza occorre effettuare altre indagini.   »

Integrazione di vitamina D: fino a che età è consigliata?

16/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

La decisione di continuare a somministrare al bambino la vitamina D anche dopo l'anno di vita va presa con l'aiuto del pediatra curante, che ben conosce i propri piccoli pazienti grazie ai controlli periodici.   »

Fai la tua domanda agli specialisti