L’età in cui si diventerà genitori è scritta nel Dna?

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 21/12/2016 Aggiornato il 21/12/2016

A molti piacerebbe sapere la “durata” della propria fertilità. In futuro, non è escluso che si potrà leggere nel Dna se e quando si avrà un figlio

L’età in cui si diventerà genitori è scritta nel Dna?

Non sono solo il colore degli occhi e dei capelli e la predisposizione a sviluppare determinate malattie a essere scritti nel Dna. Anche l’età in cui si diventerà genitori ha un’impronta genetica. Lo sostiene uno studio molto ampio condotto recentemente da un team internazionale di circa 250 ricercatori, delle Università di Oxford (Gb), Groningen (Paesi Bassi) e Uppsala (Svezia), e pubblicato sulla rivista Nature Genetics.

Analizzate 238.000 persone

Gli autori hanno analizzato le informazioni relative a oltre 238mila persone di entrambi i sessi per quanto riguarda l’età alla nascita del primo figlio e a ben 330 mila uomini e donne per quanto riguarda il numero complessivo di figli avuti. Tutte queste informazioni erano contenute in 62 “data set”. Lo scopo? Capire se in qualche modo è possibile determinare in anticipo il numero di bambini che una persona avrà nel corso della vita.

24 geni sono collegati alla riproduzione

Dall’analisi dei risultati è emerso che esistono 12 aree del Dna, per un totale di 24 geni, che sono correlate all’1% circa dei comportamenti riproduttivi di una persona. Si tratta, in effetti, di una percentuale molto bassa. Tuttavia, è significativa: per esempio, se più varianti risultano combinate, è possibile stabilire quante probabilità ha una donna di non avere figli e quando potrebbe avere il primo figlio. Non solo.

Altre informazioni

In questi geni sono scritti anche altri elementi legati allo sviluppo riproduttivo e sessuale, come l’età del menarca e della menopausa nelle donne, e del cambiamento di voce nei ragazzi. “Per la prima volta sappiamo dove trovare le aree del Dna collegate al comportamento riproduttivo. Per esempio, abbiamo scoperto che le donne portatrici di varianti che portano a postporre la maternità hanno anche un profilo genetico associato a menarca e menopausa tardivi. Un giorno i medici potranno utilizzare queste informazioni per rispondere a una domanda chiave: quanto tempo si può aspettare ‘per Dna’?” hanno concluso gli autori.

 

 

 
 
 

In breve

UNA CURA PER L’infertilita

Secondo gli esperti, queste scoperte potrebbero aiutare anche a trattare molti casi di infertilità. Serviranno però ulteriori indagini.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola il tuo ciclo mestruale

Calcola il periodo di ovulazione

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Distacco: si deve stare a riposo assoluto?

11/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Stare a letto non solo non serve a cambiare in meglio il destino di una gravidanza ma può addirittura rivelarsi dannoso in quanto favorisce la formazione di trombi e peggiora notevolmente il tono dell'umore.   »

Salpingografia: a cosa serve?

10/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La salpingografia è l'esame che indaga sulle tube alllo scopo di verificare se siano aperte o no. Allo stesso tempo, grazie al mezzo di contrasto, durante l'indagine eventuali ostruzioni possono essere rimosse.   »

Incompleto accollamento delle decidue: cosa vuol dire?

05/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La decidua è l'endometrio durante la gravidanza, in cui l'embrione si annida. Al di sotto c'è chorion, che è il "guscio" che delimita la camera gestazionale entro cui c'è la membrana amniotica o amnios, che è come un sacchetto che racchiude feto e liquido amniotico. Viene definito "mancato accollamento"...  »

Bimbo di 19 mesi che cambia spesso umore

04/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Paola Rolando

Non è raro che verso i due anni il bambino inizi ad avere momenti di nervosismo, manifesti rabbia o ribellione, sia capriccioso: accogliere le sue emozioni negative, facendolo sentire compreso e protetto è il modo migliore per contenere le crisi e fargli recuperare in fretta serenità e allegria.   »

Si può concepire con un solo ovaio e una sola tuba controlaterale?

23/05/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se una tuba è efficiente è possibile che durante l'ovulazione, anche se a carico dell'ovaio controlaterale, si muova dalla sua sede abituale e si allunghi per captare l'ovocita.  »

Fai la tua domanda agli specialisti