Una birra al giorno aumenta le possibilità di diventare papà

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 12/12/2014 Aggiornato il 12/12/2014

Bere birra in quantità moderate aumenterebbe la fertilità dell’uomo. Al contrario, il caffè sembra ridurla

Una birra al giorno aumenta le possibilità di diventare papà

La birra, una delle bevande più bevute al mondo, oltre a dissetare sembrerebbe avere anche un altro potere; quello di aumentare la fertilità di un uomo. Al contrario, il caffè sembra ridurla. Sono questi i risultati di uno studio condotto presso il Massachusetts General Hospital di Boston e presentato alla conferenza annuale della Società americana per la medicina riproduttiva.

L’importanza delle abitudini alimentari

Valutando i dati dello studio Americano, è stato rilevato come chi assume alcol, in quantità moderata, ha il 57% di possibilità di diventare padre, mentre chi assume 265 mg di caffeina al giorno ne ha solo il 19%. La ricerca è stata condotta su più di 100 uomini, le cui mogli e fidanzate si stavano sottoponendo a una fecondazione in vitro. I volontari, con un’età media di 37 anni, hanno risposto a una serie di test sulle proprie abitudini alimentari e sulla frequenza  con la quale nell’ultimo anno hanno bevuto birra o bevande con una componente di caffeina. La quantità di alcol assunta dagli aspiranti padri era relativamente moderata. I test hanno mostrato che non c’era un collegamento tra l’assunzione di alcol o caffeina e la qualità dello sperma. Eppure, coloro che avevano assunto più alcol avevano il 57% di possibilità che una sessione di fecondazione in vitro portasse alla nascita di un bebè. Il doppio, rispetto alla percentuale di successo del 28% di coloro che bevevano meno.

Attenzione al caffè

Il contrario, invece, accadeva con il caffè: in merito all’assunzione di caffeina i ricercatori hanno rilevato che le percentuali di riuscita crollavano al 19% nei grandi consumatori rispetto al 52% di successo di coloro che ne assumevano minori quantità. Il danno diventa reale al di sopra dei 265 milligrammi al giorno.

Ancora sconosciuto il legame

Gli esperti hanno specificato che i risultati non possono essere spiegati in relazione a valori come l’età o il peso. I ricercatori, al momento, non hanno ancora individuato in che modo alcol e caffeina influenzino i tassi di nascita, visto che la qualità dello sperma non si modifica con la loro assunzione. Si pensa che l’alcol possa aiutare a diminuire lo stress e quindi, indirettamente, a favorire la fecondazione. Il consumo moderato di alcol in occasioni sociali, ha ipotizzato Allan Pacey, della Sheffield University, può essere un beneficio sia per le coppie che provano a concepire in maniera naturale sia per quelle che si rivolgono alla fecondazione assistita, perché aiuta a ridurre lo stress. Totalmente differente è l’effetto che provoca il caffè, che contendo caffeina, aumenta i livelli di stress in un uomo rendendolo meno fertile.

In breve

UN OTTIMO ANTI STRESS, MA SENZA ESAGERARE

Secondo alcuni test statunitensi chi beve molto caffè ha meno probabilità di diventare papà, mentre sembrerebbe che la birra abbia effetti benefici sulla fertilità maschile. Il segreto potrebbe risiedere nella capacità di ridurre lo stress.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimbo di tre anni con attacchi di rabbia: che fare?

04/12/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Pazienza, comprensione, disponibilità, affetto sono gli ingredienti che aiutano a contrastare le crisi di rabbia di un bimbo di tre anni. Ma comprendere la ragione di certe intemperanze è altrettanto importante.   »

HPV ad alto rischio oncogeno: come avviene il contagio?

03/12/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dott.ssa Elena Bozzola

La trasmissione del Papilloma virus responsabile del carcinoma della cervice avviene quasi esclusivamente per via sessuale.   »

Vaccinazione anti-rotavirus: la ricerca dice sì, senza alcun dubbio sì

27/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Gli ultimi studi compiuti in modo serio e rigoroso sulla vaccinazione antirotavirus hanno evidenziato che si tratta di uno strumento più che sicuro (e prezioso) per la salvaguardia della salute dei piccolini.  »

Fai la tua domanda agli specialisti