Vuoi rimanere incinta? Abbatti lo stress!

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 05/03/2014 Aggiornato il 05/03/2014

Una nuova ricerca promossa da Aogoi in collaborazione con Clearblue rivela che per le donne italiane lo stress è il peggior ostacolo al rimanere incinta

Vuoi rimanere incinta? Abbatti lo stress!

Stress contro gravidanza: la lotta è senza esclusioni di colpi. Per rimanere incinta, infatti, secondo le donne italiane occorre superare lo stress economico, legato all’insicurezza sul lavoro e della società, quello famigliare, visto che per lavoro ci si può spostare lontano da casa e dai genitori, ma anche lo stress di una carenza di informazioni legate al tema del concepimento.

Indagine su 500 donne in età fertile

Sono questi i risultati di un’indagine realizzata recentemente in tutta Italia, che ha coinvolto 500 donne dai 18 anni in avanti, ed è stata condotta da Aogoi, l’Associazione degli ostetrici e ginecologi italiani, in collaborazione con Clearblue, il sistema che aiuta chi cerca di rimanere incinta a trovare i giorni fertili. Secondo il campione, il principale motivo che rallenta la ricerca di un bimbo è l’insicurezza economica, seguito dal non desiderare i figli allo stesso modo all’interno della coppia. Avere un pensiero fisso sulla gravidanza, così come il consumo di alcol e il fumo, sarebbero inoltre altri importanti ostacoli al concepimento.

Troppo stress

Le donne intervistate sono consapevoli che questi fattori, accompagnati anche da altri come la scarsità di servizi dedicati alle mamme, il desiderio di carriera, la lontananza dei genitori e, non ultimo, i continui viaggi di lavoro che allontano la coppia per lunghi periodi o il lavoro fuori città del marito, generano una tensione che può rappresentare un freno al rimanere incinta. La consapevolezza è quindi che per prima cosa, per facilitare il concepimento, occorre ridurre lo stress.

Difficoltà di concepimento

Un elemento su cui le donne sanno che si può intervenire per abbassare lo stress è quello di conoscere le modalità per rimanere incinta, così da ridurre le difficoltà di concepimento, fonti di tensione. Per esempio la maggioranza delle intervistate (74,2%) sa che non tutti i giorni sono utili per rimanere incinta e sa anche (67,9%) che il periodo migliore è circa 10 giorni dopo la fine del ciclo, quando avviene l’ovulazione. Il 74,4% dichiara inoltre di conoscere quanti sono i giorni di maggior fertilità, che si possono riconoscere con precisione grazie a una chiara identificazione dell’ormone luteinizzante LH, il quale indica che si ovulerà nei giorni successivi. Più della metà del campione (54,3%) è a conoscenza di questo importante ormone.

In breve

UN AIUTO DAGLI STRUMENTI CHE IDENTIFICANO I GIORNI FERTILI

Per vivere la propria scelta serenamente e senza stress le donne vanno anche alla ricerca di svariate informazioni, per esempio sugli strumenti che aiutano a capire quali sono i giorni più fertili: il 53,1% afferma di esserne venuta a conoscenza nei mezzi di comunicazione tradizionali (giornali, tv, radio), mentre il 23,7% afferma di averli conosciuti dal proprio ginecologo, mentre il 16,7% delle donne dichiara di aver scoperto di questi strumenti tramite il web.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola il tuo ciclo mestruale

Calcola il periodo di ovulazione

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Incompleto accollamento delle decidue: cosa vuol dire?

05/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La decidua è l'endometrio durante la gravidanza, in cui l'embrione si annida. Al di sotto c'è chorion, che è il "guscio" che delimita la camera gestazionale entro cui c'è la membrana amniotica o amnios, che è come un sacchetto che racchiude feto e liquido amniotico. Viene definito "mancato accollamento"...  »

Bimbo di 19 mesi che cambia spesso umore

04/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Paola Rolando

Non è raro che verso i due anni il bambino inizi ad avere momenti di nervosismo, manifesti rabbia o ribellione, sia capriccioso: accogliere le sue emozioni negative, facendolo sentire compreso e protetto è il modo migliore per contenere le crisi e fargli recuperare in fretta serenità e allegria.   »

Bimba di 11 mesi che non si gira quando viene chiamata: può essere un segno di autismo?

03/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

La diagnosi di disturbo dello spettro autistico può essere formulata individuando specifici comportamenti manifestati dal bambino. Di certo non può essere effettuata "da remoto", senza avere modo di vedere il bambino né di approfondire, attraverso le parole dei genitori, i suoi atteggiamenti e il suo...  »

Si può concepire con un solo ovaio e una sola tuba controlaterale?

23/05/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se una tuba è efficiente è possibile che durante l'ovulazione, anche se a carico dell'ovaio controlaterale, si muova dalla sua sede abituale e si allunghi per captare l'ovocita.  »

Fai la tua domanda agli specialisti