Ritardo ciclo mestruale e test di gravidanza

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 12/01/2015 Aggiornato il 18/10/2019

Si effettua appena ci si accorge del ritardo mestruale

Ritardo ciclo mestruale e test di gravidanza

Quelli disponibili in commercio sono in grado di verificare la presenza della gravidanza anche qualche giorno prima del previsto arrivo del ciclo. Si acquista, di solito, in farmacia (ma si trova in vendita anche nei supermercati più forniti) ed è composto da uno stick o da una striscia reattiva. In genere all’interno del-la confezione si trovano due stick o due strisce, per consentire alla donna di effettuare il test anche una seconda volta, in modo da avere una conferma ulteriore del risultato. Il test va immerso nell’urina del mattino, seguendo le istruzioni. Il risultato si basa sulla presenza dell’ormone hcg (gonodotropina corionica umana), che aumenta notevolmente a partire dall’inizio del concepimento. In pochi minuti, la finestrella rivelatrice posta sullo stick, offre un responso attendibile al 99% circa: se la gravidanza è in corso dovrebbe apparire una linea marcata di un certo colore (o un punto, a seconda del tipo di test). Una volta accertata la presenza della gravidanza, occorre contattare il ginecologo, per fissare una visita approfondita.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HC

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Voglio un figlio (a 44 anni) ma ho paura che non sia sano: che fare?

27/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La scelta di avere un figlio in età avanzata è personalissima: nessuno specialista può dare consigli al riguardo, solo indicare i rischi a cui si potrebbe andare incontro, in modo da permettere di decidere con consapevolezza.  »

Quarto cesareo a 30 anni: sono proprio tanti i rischi?

26/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Un quarto cesareo espone la donna a vari rischi che è bene valutare attentamente anche con l'aiuto del ginecologo curante.  »

Paura di aver contratto la toxoplasmosi

28/06/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Per sapere se malauguratamente si è state contagiate dal Toxoplasma gondii si può fare il toxo test, a partire da 20 giorni dopo l'ingestione dell'alimento che si teme fosse contaminato.   »

Fai la tua domanda agli specialisti