Se la mamma mangia male, il figlio sarà grasso

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 19/03/2015 Aggiornato il 19/03/2015

Ancora prima di concepire, un eccesso di peso o uno stile di vita scorretto possono aumentare il rischio di sovrappeso e obesità nel bambino che verrà

Se la mamma mangia male, il figlio sarà grasso

Lo stile di vita della mamma influenza la salute futura dei figli, ancora prima del concepimento. È quanto sostengono ricercatori dell’università di Southampton (Regno Unito), che hanno condotto una ricerca su quasi mille mamme e bambini.

Attenzione ai fattori di rischio

Secondo i risultati del lavoro, le donne in sovrappeso e che conducono un cattivo stile di vita possono avere fino a quasi 5 volte in più il rischio di avere un bambino con il 47% di massa grassa in più all’età di 6 anni. Lo stesso vale per le donne che presentano 4 fattori di rischio: obesità prima del concepimento, bassi livelli di vitamina D, fumo in gravidanza, eccessivo aumento di peso in gravidanza e impossibilità ad allattare al seno per più di un mese. Secondo i ricercatori, questi fattori influirebbero sullo sviluppo dei meccanismi che aiutano a regolare il bilancio energetico del bambino.

La situazione in Italia

Secondo il Sistema di sorveglianza nazionale Okkio alla salute promosso dal ministero della Salute, in Italia permangono elevati i livelli di eccesso ponderale nei bambini, che pongono il nostro Paese ai primi posti in Europa per sovrappeso e obesità infantile. In particolare, i dati del 2014 mostrano che i bambini in sovrappeso sono il 20,9%, quelli obesi il 9,8%.

Un sito ad hoc

Ora questo studio dimostra che lo stile di vita della mamma influenza la salute futura dei figli. Per questo è nato “Pensiamoci prima”, un progetto di promozione della salute preconcezionale realizzato da Icbd (International centre on birth defects and prematurity) in collaborazione con il Dipartimento della prevenzione e comunicazione del Ministero della salute. Attraverso un sito dedicato e altre iniziative, promuove le informazioni sullo stile di vita da adottare nel periodo preconcezionale e i consigli per le coppie che desiderano avere figli.

Sì alla dieta mediterranea

E siccome lo stile di vita della mamma influenza la salute futura dei figli, nelle raccomandazioni rivolte alla donna viene ribadita l’importanza di mantenere un peso adeguato alla propria altezza, adottando prima, durante e dopo la gravidanza un’alimentazione di tipo mediterraneo e facendo regolare attività fisica.

No a fumo e alcol

E poi l’astensione dal fumo e dall’alcol, la riduzione del consumo di caffè e l’importanza della vitamina D, sintetizzata dalla pelle durante l’esposizione al sole: bastano 20 minuti al giorno per assicurare all’organismo un apporto adeguato di questa preziosa sostanza.

 

 

  

lo sapevi che? 

Fra i rischi legati agli effetti del fumo di sigaretta in gravidanza, vanno ricordati l’aumento del rischio di: aborto spontaneo, prematurità del feto, basso peso alla nascita, mortalità perinatale, sindrome della morte in culla (Sids).

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola il tuo ciclo mestruale

Calcola il periodo di ovulazione

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Gambe sollevate in gravidanza: possono aver danneggiato il bambino?

08/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Durante la gravidanza, quando preoccupazioni che oggettivamente non hanno ragione di sussistere non danno tregua, mantenendo la futura mamma in uno stato ansioso costante, può senz'altro essere opportuno ricorrere all'aiuto di uno psicoterapeuta. Le continue paure ingiustificate possono, infatti, essere...  »

Tosse violenta che non passa in una bimba di 4 anni: qual è la causa?

02/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Anche se di rado, una tosse secca, insistente, che nulla calma può essere dovuta al tappo di cerume: per escludere questa possibilità basta che il pediatra ispezioni accuratamente i condotti uditivi del bambino.  »

Collo dell’utero raccorciato in 25^ settimana: è possibile che torni a posto?

01/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In effetti la cervice può recuperare qualche millimetro, in assenza di contrazioni uterine, quindi non è detto che una minaccia di parto prematuro comporti con certezza la nascita del bambino molte settimane prima rispetto alla data prevista.  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti