Stress: meno fertilità nelle donne, ma non negli uomini

Metella Ronconi A cura di Metella Ronconi Pubblicato il 29/11/2018 Aggiornato il 29/11/2018

La fertilità nelle donne è fortemente influenzata dallo stress: quando è troppo, concepimento a rischio

Stress: meno fertilità nelle donne, ma non negli uomini

Secondo un nuovo studio dell’Università di Boston pubblicato sull’American Journal of Epidemiology  lo stress quotidiano abbassa la fertilità nelle donne e rende difficoltoso il concepimento.

Lo studio americano

In Nord America, dal 20 al 25% delle donne e dal 18 al 21% degli uomini in età riproduttiva riferiscono stress psicologico quotidiano. Sebbene ricerche precedenti avessero già segnalato che lo stress può ridurre le probabilità di concepimento, pochi studi avevano finora esaminato questa associazione all’interno della popolazione generale. I ricercatori hanno utilizzato i dati del Pregnancy Study Online, con coppie desiderose di un figlio e che avevano tentato da almeno 12 mesi di ottenere una gravidanza, senza riuscirci. Inoltre hanno seguito 4.769 donne e 1.272 uomini.

Un problema per la fertilità nelle donne

Gli studiosi hanno riscontrato che le donne con punteggi Pss (Perceived Stress Scale, livello di stress autopercepito) di almeno 25 (cioè con stress elevato) avevano una probabilità di concepimento inferiore del 13% rispetto alle donne con punteggi inferiori a 10. L’associazione si è mostrata più forte tra le donne sotto i 35 anni. Negli uomini, invece, non è emerso alcun legame statistico tra stress e probabilità di concepimento. Oltre alle domande sullo stress, i partecipanti hanno compilato anche questionari di base che tenevano in considerazione altri parametri come etnia, frequenza dei rapporti sessuali, reddito familiare, modello alimentare seguito, tutti in grado di influenzare la fertilità.

Quando lei è stressata e lui no

Le coppie avevano circa il 25% in meno di probabilità di concepire quando il punteggio Pss maschile era inferiore a 10 e quello femminile uguale o superiore a 20. Gli studiosi hanno dunque concluso che questo suggerisce anche l’importanza della “discordanza di stress dei partner” nell’influenzare la probabilità del concepimento.

 

 

 
 
 

Da sapere!

Il legame tra livelli elevati di stress e minori probabilità di concepimento non è definitivamente dimostrato, tuttavia lo stress comporta spesso una diminuzione della frequenza dei rapporti sessuali e un aumento dell’irregolarità del ciclo mestruale.

 

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola il tuo ciclo mestruale

Calcola il periodo di ovulazione

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

E’ gemellare la mia gravidanza?

29/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Arianna Prada

Per sapere se la gravidanza è gemellare nonché per capire se, eventualmente, è in evoluzione favorevole è necessario attendere che il tempo trascorra. Continuare a sottoporsi a controlli troppo presto non serve a ottenere risposte (ma ad aumentare l'ansia sì).   »

Pancione: quali traumi (urti, colpi, pressioni) possono danneggiare il bambino?

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Qualsiasi trauma addominale che provoca dolore deve essere sottoposto velocemente all'attenzione di un medico del pronto soccorso ostetrico.   »

Bimbo “atopico”: quali accorgimenti per controllare l’eczema?

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

La detrmatite atopica è una malattia cronica che va trattata con i farmaci (in particolare, creme cortisoniche) e controllata mettendo in pratica alcune strategie relative allo stile di vita.  »

Feto con un ventricolo cerebrale lievemente più grande

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Carlo Efisio Marras

Se le dimensioni dei ventricoli cerebrali sono maggiori dell'atteso, ma non superiori ai quelle ritenute normali non si è autorizzati a pensare a una patologia.   »

Fai la tua domanda agli specialisti