Consigli utili per effettuare il test di gravidanza

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 03/01/2015 Aggiornato il 14/01/2020

Cosa sono i test di gravidanza, i consigli per effettuare l'esame in modo corretto e scoprire se è iniziata la gravidanza.

Consigli utili per effettuare il test di gravidanza

Come farlo

  • È il primo test che la donna, dopo qualche giorno di ritardo delle mestruazioni, esegue per scoprire se è incinta (i test più recenti, in realtà, sono in grado di rilevare se è in corso una gravidanza anche qualche giorno prima della data in cui dovrebbero comparire le mestruazioni, nel caso la donna sospetti di essere incinta;
  • il funzionamento è molto semplice ed è basato sul rilevamento della presenza, nelle urine della donna, di un particolare ormone (la gonadotropina corionica umana o hcg), il cui livello aumenta notevolmente a partire dal momento del concepimento;
  • la maggior parte di questi test è composta da uno stick, o una striscia reattiva, in grado di rilevare l’Hcg, da immergere nell’urina del mattino;
  • nel giro di circa dieci minuti in una sorta di “finestra” appare il risultato, di solito una linea o un punto colorato;
  • i test in commercio sono forniti poi di una “finestra di controllo” per confermare la corretta esecuzione;
  • il test va considerato positivo, quindi si ha una gravidanza in corso, anche se la linea o il punto si presentano sbiaditi e poco definiti;
  • questi test hanno il vantaggio di gestire in modo discreto e veloce, prima ancora di andare dal medico, la scoperta dello stato di attesa;
  • si comprano in farmacia (il prezzo è di circa 18,00 euro) per lo più in confezioni da due;
  • il secondo test, da effettuare a distanza di qualche giorno, serve per confermare l’esito del primo;
  • la loro attendibilità è pari a circa il 99 per cento.

Quando farlo

Per eseguire il test di gravidanza in modo corretto è bene attenersi a qualche semplice indicazione:

  • seguire attentamente le istruzioni contenute nella confezione e verificare la data di scadenza (l’affidabilità dei test di gravidanza, infatti, dipende per lo più dal loro corretto utilizzo);
  • utilizzare la prima urina del mattino, in quanto in essa la concentrazione di ormone Hcg è più elevata;
  • fare la pipì in un contenitore, poi aspirare con una pipetta (di solito allegata alla confezione) qualche goccia e farla cadere dove indicato dal test;
  • nel caso in cui non fosse possibile eseguire il test subito dopo aver raccolto le urine, occorre conservare la pipì, nell’apposito contenitore, in frigorifero e tenerla a temperatura ambiente prima del test;
  • ripetere la prova a distanza di qualche giorno per avere conferma del risultato (è bene sapere, infatti, che questi test, pur avendo un’affidabilità molto alta, possono dare dei falsi negativi, cioè non evidenziare una gravidanza in corso o, al contrario, dei falsi positivi, cioè rilevare una gestazione che in realtà non c’è).
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola il tuo ciclo mestruale

Calcola il periodo di ovulazione

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Lieve perdita di sangue a inizio gravidanza

06/07/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La gravidanza è un processo in divenire: almeno nelle prime settimane non si dovrebbero trarre conclusioni su come si sta evolvendo, semplicemente in base a una piccola perdita di sangue.   »

Streptococco: dubbi e chiarimenti

06/07/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Aldo Messina

Le infezioni da streptococco fanno ancora oggi molta paura, per via delle conseguenze (non automatiche!) che potrebbero determinare. In realtà, oggi questo batterio non fa più (tanta) paura.  »

Sovrappeso: è di ostacolo alla fertilità? Assolutamente sì

29/06/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Molti chili di troppo interferiscono sull'attività delle ovaie, a volte al punto da causare la formazione di ovociti difettosi, che non possono essere fecondati.   »

Fai la tua domanda agli specialisti