Il test di gravidanza: uno strumento pratico e veloce

Per sapere se aspetti un bambino esistono dei test di gravidanza semplici ed efficaci che si possono acquistare in farmacia o al supermercato ed eseguire a casa

Il test di gravidanza: uno strumento pratico e veloce

I test di gravidanza che si possono eseguire a casa sono in vendita in farmacia e nella grande distribuzione a un costo piuttosto basso (circa 10,00 euro). Si basano sulla ricerca della gonadotropina corionica nell’urina. Possono essere eseguiti fin dal primo sospetto di gravidanza (in pratica pochi giorni dopo il mancato inizio del ciclo mestruale) e il loro risultato è sicuro e affidabile.
Nelle urine (ma anche nel sangue) se la gravidanza è in corso si ritrova un ormone, la gonadotropina corionica umana (HCG). Si tratta di un ormone prodotto dalla placenta, riscontrabile nelle urine e nel sangue materno dopo circa 10-14 giorni dal concepimento.

Come funzionano i test di gravidanza

Ogni confezione contiene, di norma, due stick. Ciascuno di essi ha applicato all’estremità un tampone assorbente che va immerso nella prima urina del mattino seguendo due diverse modalità:

 direttamente sotto il flusso dell’urina per 5 secondi;

 immergendolo per 20 secondi nell’urina raccolta in un recipiente pulito e asciutto.

A questo punto, se la gravidanza è in corso, in un’apposita finestrella dello stick compare una linea (o un pallino). Se, invece non compare nulla il test è negativo e vuol dire che non si aspetta un bambino.
Durante tutto il procedimento occorre seguire scrupolosamente le istruzioni e rispettare i tempi indicati sulla confezione.

Il test di gravidanza andrebbe ripetuto un paio di giorni dopo per confermare l’esito del risultato. Nelle donne con ciclo mestruale regolare, può essere eseguito anche qualche giorno prima dell’arrivo del ciclo mestruale, mentre se si ha un ciclo irregolare occorre aspettare qualche giorno in più e, comunque, ripetere il test a distanza di un paio di giorni.

Se il test di gravidanza è negativo o positivo

Se il test di gravidanza dà risultato positivo, significa che si è incinta. Se è negativo, è probabile che la gravidanza non sia in corso, ma è opportuno ripetere il test dopo qualche giorno, se persiste l’assenza di mestruazione e, in caso di risultato ancora negativo, consultare il ginecologo per risalire all’origine del mancato ciclo. Poiché il ritardo può dipendere anche da un errore di calcolo (soprattutto se la donna ha cicli irregolari) è, comunque, bene prestare attenzione a particolari disturbi tipici della gravidanza da segnalare al ginecologo, come per esempio:

 nausea e vomito;

 tensione mammaria;

 variazioni d’umore e d’appetito.

In genere, se il test dà esito positivo o in caso di dubbi, il ginecologo prescrive un esame di laboratorio: si tratta di un semplice prelievo del sangue, anch’esso finalizzato alla ricerca dell’HCG. A differenza del test da fare a casa, questo esame è in grado di fornire al ginecologo informazioni utili riguardo l’andamento della gravidanza (per esempio, se l’ovulo si è annidato bene o se è in corso, invece, una gravidanza extrauterina).

In ogni caso, un’ulteriore conferma che si è incinta si ha eseguendo  un’ecografia: questo esame del tutto innocuo e indolore serve anche a stabilire con precisione il momento del concepimento e calcolare così la data presunta del parto.

In breve

Scoprire se si è incinta stando a casa

Il test d gravidanza è uno strumento sicuro ed efficace per sapere se si è incinta e si può utilizzare direttamente a casa. Per avere conferma della gravidanza, però, ed essere sicure che tutto proceda bene è bene fare un prelievo del sangue e un’ecografia.
 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Bimba che di notte si sveglia spesso

I disturbi del sonno possono essere ben controllati con la pratica del co-sleepeeng, che consiste nel far dormire il bambino "accanto ai genitori", ma non nello stesso letto.   »

Dubbi sulle date delle vaccinazioni

Le date che vengono indicate per vaccinare i bambini sono approvate dalla Comunità scientifica pediatrica, quindi non di deve temere di rispettarle.   »

In che settimana di gravidanza si vede l’embrione con l’ecografia?

In genere l'ecografia permette di vedere il bambino (e il suo cuoricino che batte) a partire dalla sesta settimana di gravidanza.   »

Si ammala spesso: è normale che accada?

Febbre, tosse, raffreddore frequenti sono lo scotto che i bambini pagano alla socializzazione. Non sono preoccupanti: alla fine, nonostante questo, crescono tutti forti e sani. L'unica condizione che deve preoccupare davvero perché espone a pericoli è l'obesità: il resto passa senza conseguenze.   »

Fai la tua domanda agli specialisti