Quali sono gli effetti del vaccino Covid sulla fertilità maschile?

Lorenzo Marsili A cura di Lorenzo Marsili Pubblicato il 10/11/2022 Aggiornato il 10/11/2022

Gli andrologi confermano come a influire negativamente sulla fertilità maschile non sia il vaccino Covid, ma il virus, che provoca un peggioramento della qualità del liquido seminale

uomo si sottopone a vaccino covid

Tra i timori più ricorrenti intorno al vaccino contro il Covid c’è la sua possibile azione negativa sulla fertilità maschile. Una correlazione che, però, gli andrologi impegnati nel progetto di ricerca EcoFoodFertility  smentiscono, sottolineando come sia esclusivamente l’infezione al virus a produrre effetti, riducendo il numero degli spermatozoi e peggiorandone la qualità. anche per diversi mesi dopo la negativizzazione.

Presentato nel corso del congresso SIA (Società Italiana di Andrologia), il progetto analizza a tutto tondo i problemi di fertilità maschile legati al Covid-19, prendendo in considerazione anche gli effetti del vaccino. Come sottolineato da Luigi Montano, coordinatore del progetto e presidente della Società Italiana di Riproduzione Umana(), lo studio è stato svolto su due distinti gruppi d’indagine. Il primo composto da pazienti alle prese con problemi pregressi di fertilità di coppia che hanno contratto il virus; il secondo con volontari che si sono sottoposti a valutazione dello sperma prima e dopo la terza dose di vaccino Covid.

Come agisce il Covid sulla fertilità maschile?

Per i 75 under 35 del primo gruppo, l’autrice dello studio, Maria Cira Gentile, ha sottolineato come le indagini abbiano rivelato effetti di diverso grado in base alla gravità dell’infezione da Covid-19. Con sintomi leggeri, il numero di spermatozoi è rimasto invariato, ma si è assistito comunque a una riduzione di mobilità e qualità. In chi, invece, ha contratto una forma infettiva più grave, il numero di spermatozoi è sceso del 41%, la mobilità e la vitalità del 20%, con anche un danno elevato (80%) sul Dna spermatico.

Che effetti ha la terza dose di vaccino Covid sulla fertilità maschile?

Le analisi svolte sul secondo gruppo, composto da 114 volontari di età di compresa tra i 22 e 31 anni, non hanno, invece, evidenziato particolari differenze a livello di parametri seminali tra i test svolti 10-15 giorni prima della terza dose di vaccino Covid-19 e, ancora, 32-39 giorni dopo la somministrazione.

Risultati che, come spiega anche il presidente SIA, Alessandro Palmieri, sottolineano la sicurezza del vaccino Covid. Le uniche variazioni legate al vaccino riguardano, nel 96,5% dei casi, un leggero aumento della concentrazione degli spermatozoi e della loro motilità. In appena il 3,5% dei vaccinati, invece, si sono visti peggioramenti passeggeri dei parametri seminali. Criticità, comunque, rientrate completamente meno di tre mesi dopo la vaccinazione per quasi tutti i campioni presi in esame.

 

 

 
 
 

In sintesi

Cosa riduce la fertilità maschile?

L’infertilità maschile può essere causata da motivi genetici, criptorchidismo(), infezioni, malattie sessuali, stati febbrili, varicocele(), anticorpi antispermatozoi, disfunzione erettile, farmaci, traumi, interventi chirurgici, ma anche stili di vita non salutari e rischi ambientali.

Come capire se l’uomo è fertile?

In caso di problemi o sospetti, per valutare la propria fertilità, un uomo deve sottoporsi allo spermiogramma, esame che consente di individuare possibili alterazioni del liquido seminale: dalla motilità al numero, fino alla morfologia e alla qualità degli spermatozoi. L’analisi completa prevede spermiocoltura, Mar-test, test di capacitazione, spettrofotometria.

 

Fonti / Bibliografia

  • Il ProgettoStudio di Impatto Ambientale ed Alimentare sulla Funzione Riproduttiva Maschile E’ possibile dimostrare se esiste un nesso scientifico tra inquinamento ambientale e salute dell’uomo? E’ possibile definire in maniera scientificamente più corretta il ruolo delle abitudini di vita ed alimentari sull...
  • Cos’è lo spermiogramma e a cosa serve | Ospedale San Raffaele
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola il tuo ciclo mestruale

Calcola il periodo di ovulazione

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Gravidanza e vaccino contro difterite-tetano-pertosse: il richiamo va fatto ogni volta?

06/12/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Il richiamo del vaccino trivalente DTP è raccomandato a ogni nuova gravidanza per garantire al nascituro un "bagaglio immunitario" in grado di proteggerlo da difterite, tetano, pertosse fino a quando non verrà sottoposto lui stesso alla vaccinazione.  »

Sono davvero a rischio di diabete gestazionale?

01/12/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Quando si inizia la gravidanza in una condizione di obesità e, in più, si aumenta di peso rapidamente già a partire dal primo trimestre il rischio di sviluppare il temibile diabete gestazionale diventa alto, soprattutto se l'esame della curva da carico di glucosio evidenzia un'iperproduzione di insulina....  »

Donna Rh negativo: anche dopo un aborto si sviluppano anticorpi contro il sangue Rh positivo?

30/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Esiste un esame che permette di appurare se la donna ha sviluppato anticorpi contro il fattore Rh positivo: si chiama Test di Coombs indiretto e si esegue come un normale prelievo di sangue.  »

Pap test in gravidanza: conviene farlo?

28/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Posto che è il ginecologo curante a dover decidere l'intervallo di tempo tra un pap test e l'altro, in base al risultato ottenuto l'ultima volta che è stato effettuato, in generale non occorre farlo in gravidanza, se sono passati meno di tre anni dall'ultimo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti