Dottor Antonio Clavenna

Farmacologo dell'Istituto Mario Negri di Milano, risponde a dubbi sull'allattamento e sull'uso di farmaci in età pediatrica

dottor Antonio ClavennaIl Dottor Antonio Clavenna, medico e specialista in Farmacologia Clinica, dal 2000 è ricercatore presso il Laboratorio per la Salute Materno Infantile dell’Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri IRCCS di Milano, dove è responsabile dell’Unità di Farmacoepidemiologia.
Nella sua attività di ricerca si occupa principalmente del monitoraggio dell’uso dei farmaci nei bambini e negli adolescenti e del trasferimento dell’informazione sull’impiego dei farmaci, in particolare per quanto riguarda la gravidanza, l’allattamento e l’età pediatrica, agli operatori sanitari e ai cittadini.

Link istituto: Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri IRCCS di Milano 

Fonti / Bibliografia

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Articoli di Dottor Antonio Clavenna

Assunzione di vari farmaci in prossimità del concepimento: ci sono rischi?

Ci sono medicine, tra cui i cortisonici, che non sono pericolosi se assunti nel periodo pre-concezionale o nelle prime settimane di gravidanza.   »

RMN encefalo: è rischiosa in gravidanza?

Gli studi di cui si dispone relativi all'esecuzione della risonanza magnetica nucleare in gravidanza non hanno evidenziato rischi per il feto.   »

Dolcificanti artificiali in gravidanza: sono pericolosi?

Durante la gravidanza, i dolcificanti artificiali non sono controindicati in assoluto (a esclusione della saccarina che è meglio non usare) tuttavia è bene non eccedere.   »

Iniezioni di botox a inizio gravidanza: sono pericolose?

Attualmente non è stata segnalata un rischio per il feto legato a un trattamento locale con tossina botulinica.   »

Inositolo e ricerva della gravidanza

Se è vero che gli integratori contenenti inositolo e acido alfa lipoico possono favorire la gravidanza lo è altrettanto che non ci si può aspettare che agiscano in lassi di tempo brevissimi.   »

Farmmaci contro un’infezione ai testicoli: è rischioso concepire durante la cura?

Numerosi farmaci che vengono prescritti per controllare un'infezione ai testicoli, nonespongono al rischio di concepire un bambino con problemi.   »

La claritromicina può ridurre l’efficacia della pillola?

L'impiego di un antibiotico della classe dei macroliti non aumenta il rischio di fallimento del contraccettivo orale.   »

Paura della listeriosi dopo aver mangiato un formaggio

E' necessario valutare con l'aiuto del ginecologo se la comparsa di una forte nausa possa essere o no dovuta a un'infezione causata dal batterio listeria monocytogenes.   »

Itraconazolo in prossimità del concepimento: può essere pericoloso?

Gli studi compiuti non hanno evidenziato un aumento del rischio di malformazioni del feto, nel caso in cui la donna assuma l'antimicotico itraconazolo nel primo trimestre di gravidanza.   »

Azitromicina in gravidanza

L'azitromicina assunta in gravidanza non espone a rischi.   »

Pagina 1 di 13
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimbo di sette mesi con un “buchetto” sopra il sederino: è preoccupante?

16/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

La presenza di una fossetta sacro-coccigea a fondo cieco, se non è associata ad altri segnali che possano far pensare a un problema della colonna vertebrale, non è significativa.   »

Epatiti dei bambini: c’entra il vaccino contro il CoVid-19?

28/04/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Matteo Bassetti

Non ci sono elementi che suggeriscano una relazione tra il vaccino contro il coronavirus Sars-CoV-2 e l'epatite acuta dell'età pediatrica.  »

Preoccupata per l’assenza di sintomi “di gravidanza”

19/04/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Non è così automatico che la gravidanza, una volta iniziata, determini la comparsa di sintomi specifici, quindi l'assenza dei disturbi "tradizionali" (nausea, tensione al seno e così via) non deve essere interpretata come un segnale per forza negativo.  »

Fai la tua domanda agli specialisti